Assicura Primo piano

Rc auto, rincari in arrivo per 800mila automobilisti

rc auto

Più auto in circolazione, più sinistri denunciati con colpa. A dicembre 2021 il premio medio era pari a 427 euro, secondo Facile.it gli aumenti nel 2022 possono arrivare anche a 35-40 euro

Brutte notizie per gli automobilisti italiani. Per circa 800.000 di loro, infatti, l’Rc auto è destinata ad aumentare nel 2022. È quanto emerge dall’osservatorio di Facile.it, stando al quale numerosi sono gli assicurati che, a causa di un sinistro con colpa dichiarato nel 2021, vedranno quest’anno peggiorare la propria classe di merito, con relativo aumento del costo dell’Rc auto

Secondo l’analisi del comparatore, realizzata su un campione di oltre 690mila preventivi raccolti a dicembre 2021, il numero di automobilisti colpiti dai rincari è in crescita del 12% rispetto allo scorso anno, conseguenza diretta dell’aumento dei veicoli in circolazione e dei sinistri stradali. 

Per il momento, invece, restano ancora su livelli minimi le tariffe Rc auto per gli automobilisti virtuosi. Secondo i dati dell’osservatorio di Facile.it, a dicembre 2021 per assicurare un veicolo a quattro ruote occorrevano, in media, 427,16 euro, vale a dire il 9,43% in meno rispetto a dicembre 2020 e addirittura il 20,3% in meno se paragonato con lo stesso mese del 2019. 

“Attenzione perché anche questo idillio potrebbe presto finire”, avverte Andrea Ghizzoni, Managing Director Insurance di Facile.it. “Le tariffe godono ancora oggi del calo degli incidenti stradali rilevato per tutto il 2020 – chiarisce -, ma con il 2021 i sinistri hanno ricominciato a salire e, in virtù di ciò, ci aspettiamo che i premi assicurativi tornino a crescere, con rincari che secondo le nostre stime potranno arrivare anche a 35-40 euro per ciascun automobilista”. 

Rc auto, i rincari Regione per Regione

Se a livello nazionale la percentuale di automobilisti che hanno dichiarato un sinistro con colpa è pari al 2,47%, a livello regionale i valori cambiano sensibilmente. Guardando la graduatoria al primo posto c’è la Liguria, dove il 3,27% degli automobilisti vedrà aumentare il costo dell’Rc auto. Seguono i guidatori di Toscana (2,92%) e Sardegna (2,90%). Le percentuali più basse, di contro, sono state rilevate in Calabria (1,56%), Friuli-Venezia Giulia (1,95%) e Basilicata (1,99%). 

Se si confrontano i valori di dicembre 2021 con quelli dell’anno prima, è evidente il modo in cui i lockdown hanno influito sulla mobilità. Le regioni dove la percentuale di automobilisti che hanno dichiarato un sinistro con colpa è cresciuta maggiormente sono la Sardegna (+23% rispetto al 2020), la Sicilia (+18%) e il Trentino-Alto Adige (+17%). Una sola regione presenta valori in linea rispetto al 2020, l’Umbria dove si è addirittura registrato un lievissimo calo (-0,9%). 

Identikit dell’automobilista colpito dai rincari Rc auto

Ma qual è l’identikit di chi vedrà aumentare l’Rc auto a causa di un sinistro con colpa? A peggiorare la propria classe di merito sarà il 2,72% del campione femminile ed il 2,33% di quello maschile. Guardando alle fasce anagrafiche emerge che gli under 24 sono gli automobilisti che hanno registrato il valore più basso (2,15%). Quello più alto è invece degli over 65 (3,06%). In assoluto, però, gli assicurati più “attenti” sono risultati essere i neopatentati nella fascia 19-21 anni. Tra di loro la percentuale di chi vedrà peggiorare la propria classe di merito a causa di un sinistro con colpa è pari appena all’1,37%. 

Se quasi tutti gli italiani hanno limitato gli spostamenti nel corso dell’anno, una delle poche categorie professionali che ha continuato a muoversi in auto “normalmente” è il personale sanitario. Dall’analisi è emerso infatti che medici, infermieri e operatori sanitari sono tra i professionisti che, in percentuale, hanno dichiarato il maggior numero di sinistri con colpa nel corso del 2021. Fra loro, il 2,85% dovrà far fronte ad un aumento del costo dell’Rc auto. 

Commenta



Articoli correlati

Assegno unico, in arrivo i conguagli per i figli disabili

Chiara Santilli

Bollette, luce più cara del 59%. Stangata da 1.300 euro

Chiara Santilli

Rc auto, prezzi in calo. Ma potrebbe non bastare

Chiara Santilli
UA-69141584-2