Investi

Acqua, come investire senza rischi nell’oro blu

come risparmiare acqua

Per Vontobel, le esigenze di capitale dell’industria idrica rappresentano un caso di investimento interessante. Ma è importante diversificare per evitare il rischio bolla

La scarsità d’acqua sta crescendo. Nel 2020, 2,2 miliardi di persone non avevano accesso all’acqua potabile e si stima che entro il 2025, 3,5 miliardi di persone vivranno in zone caratterizzate da scarsità d’acqua. L’Africa è il continente più colpito, immediatamente seguito dai paesi asiatici come l’India. Si prevede che 700 milioni di persone potrebbero essere sfollate a causa della scarsità d’acqua entro il 2030. Tutto questo ha reso l’oro blu particolarmente interessante per gli investitori, ma anche insidioso. Secondo Thomas Trsan, Esg e impact investing specialist di Vontobel, ora infatti si pone un rischio di concentrazione, almeno se la maggior parte di chi investe si focalizza solo su un settore specifico, che però può essere facilmente evitato.

“L’inquinamento dell’acqua aggrava il problema della scarsità – spiega Trsan -. Ben 4,2 miliardi di persone non hanno accesso a servizi igienici adeguati. Questo è un grave problema di salute pubblica, dato che 1,8 miliardi di persone bevono acqua contaminata. Ogni due minuti un bambino muore per una malattia diarroica causata da acqua non sicura e scarse condizioni igieniche.Il bisogno di sviluppo, innovazione e finanziamento è pressante. Per questo motivo, l’acqua è destinata ad attirare una maggiore attenzione quest’anno, dato che gli investitori cercano attivamente le aree di sviluppo ad alto potenziale che richiedono più urgentemente capitale”.

In testa ci sono l’accesso all’acqua pulita e le soluzioni tecnologiche efficienti dal punto di vista idrico. “Per risolvere i problemi più urgenti, le infrastrutture e le soluzioni che aumentano l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienici, così come le soluzioni tecnologiche per l’efficienza idrica, come i contatori intelligenti e il rilevamento satellitare delle perdite, sono più necessarie – prosegue l’esperto -. Questo perché ci troviamo di fronte, da un lato, alla diminuzione dell’offerta dovuta al cambiamento climatico come risultato dei cambiamenti nelle precipitazioni e nei modelli di evaporazione. Ciò è dovuto al riscaldamento globale e allo spreco dovuto all’esaurimento e all’inquinamento delle falde acquifere, nonché alle perdite, dato che 46 miliardi di litri di acqua trattata vengono persi ogni giorno nel mondo. D’altra parte, ci troviamo di fronte a una domanda crescente con l’avanzare dell’urbanizzazione della popolazione e di conseguenza il consumo aumenta a causa dell’aumento del tenore di vita. La domanda globale di acqua dolce dovrebbe superare l’offerta del 40% entro il 2030”.  

Tra i pionieri dell’acqua, Trsan cita alcune società. La francese Veolia, ad esempio, è uno dei pionieri nel settore. Fu fondata nel 1853 come Compagnie Générale des Eaux per decreto imperiale per irrigare le campagne e fornire acqua alle città francesi, e Lione fu il suo primo contratto di fornitura. Oggi Veolia controlla tutte le fasi del ciclo dell’acqua, compresa la gestione delle risorse, la produzione e la fornitura di acqua potabile e di processo industriale, la raccolta, il trattamento e il riciclaggio delle acque reflue, la progettazione e la costruzione di infrastrutture e reti di trattamento. L’azienda utilizza l’intelligenza artificiale in varie aree come la gestione della rete idrica, il controllo e l’ottimizzazione del consumo.

Per l’esperto, tra i pionieri spicca anche Itron, un’azienda tecnologica americana fondata nel 1977 che fornisce sistemi di lettura elettronica e automatica di contatori intelligenti basati su computer portatili per i servizi di acqua, elettricità e gas. “Aiuta i fornitori d’acqua a gestire efficacemente le loro reti – sottolinea -, trasformandole in reti intelligenti attraverso l’ottimizzazione completa delle operazioni di distribuzione e sfruttando soluzioni come la modellazione idraulica, la gestione e il software di rilevamento della pressione. I risultati del suo prodotto software di analisi Water Operations Management migliorano la visibilità operativa, minimizzano le perdite, aumentano la protezione catodica, ottimizzano la gestione della pressione, riducono i costi del lavoro, ottimizzano le operazioni di rete e migliorano proattivamente l’esperienza del cliente. Questi risultati aiutano a identificare, dare priorità e intraprendere azioni per ridurre le perdite d’acqua non dovute (NRW), reali e apparenti, nella rete di distribuzione. L’azienda ha anche presentato gli Itron Idea Labs, dove si esplorano nuove possibilità di gestione efficiente dell’acqua, dell’energia e della città intelligente”.

“Georg Fischer – prosegue – è un’azienda svizzera che produce raccordi in ghisa e risale alla fine del XIX secolo, creando le basi per l’odierna divisione GF Piping Systems. Oggi è un fornitore leader di sistemi di tubazioni per il trasporto sicuro e affidabile di liquidi e gas. Fornisce soluzioni durevoli e senza manutenzione per la distribuzione dell’acqua, offrendo installazioni personalizzate (plug and pay, prefabbricate). Inoltre, Georg Fischer offre una vasta gamma di sistemi di tubazioni, raccordi, valvole e tecnologia di giunzione per migliorare la qualità dell’acqua”.

Quanto ai rischi, dato che è probabile che il settore attragga quantità significative di investimenti, c’è un pericolo di concentrazione, almeno se gli investitori si focalizzano solo su un settore specifico, come i servizi idrici. Per minimizzare il rischio, secondo Trsan gli investitori possono diversificare su temi come l’estrazione e lo stoccaggio dell’acqua, le infrastrutture idriche e l’efficienza idrica. “Possono anche diversificare tra regioni, aziende con esposizione al mercato globale e nazionale, dimensioni aziendali (small-cap, mid-cap e large-cap) e stili (orientati alla crescita o al valore). L’aggiunta di società che hanno anche un’esposizione alla sanità, all’energia rinnovabile o alla gestione dei rifiuti oltre al business dell’acqua attenua anche il rischio di concentrazione”, conclude.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2