Investi

Azionario, Asia ed Europa al centro della scena

T. Rowe Price resta ottimista sui potenziali rendimenti dell’azionario globale. Ma suggerisce di guardare al di là degli Usa per individuare nuove opportunità di alpha

Il mercato azionario ha ottenuto rendimenti straordinari nel 2020, ma il primo trimestre 2021 metterà sicuramente alla prova gli investitori visto il ritorno di notizie incerte e contrastate. Le aspettative di ulteriori stimoli, insieme agli sviluppi positivi sul fronte del vaccino, avevano contribuito a supportare i mercati, ma ora le nuove varianti del virus stanno facendo aumentare la pressione sui sistemi sanitari e sempre più Paesi stanno tornando in lockdown. “Crediamo che ciò avrà ripercussioni economiche per molti e, come minimo, posticiperà parzialmente il rimbalzo dei fondamentali che gli investitori si aspettavano”, spiega Scott Berg, gestore del fondo T. Rowe Price Funds Sicav – Global Growth Equity Fund di T. Rowe Price, secondo cui bisogna anche considerare i cambiamenti politici. Cosa significa la vittoria democratica negli Usa per le società e le politiche, soprattutto per quanto riguarda tassazione e rapporti con la Cina?

“Guardando al resto del 2021, rimaniamo ottimisti sui potenziali rendimenti dell’azionario globale – afferma il gestore -. Tuttavia, è probabile che la volatilità aumenti in parte, con una maggiore dispersione tra fattori, stili e settori. Per guadagnare in questo contesto, gli investitori dovranno essere più selettivi e attivi, assumendo talvolta un approccio contrarian”.

Per Berg le notizie sul Covid-19 continueranno a condizionare i mercati a fasi alterne, talvolta in positivo e talvolta in negativo, come nell’ultima parte del 2020. “Siamo convinti che i titoli growth, se acquistati al giusto prezzo, continueranno ad accumulare buoni rendimenti, ma il contesto fino a metà anno potrebbe far proseguire il trade di rotazione verso i titoli value, le small-cap e le azioni non statunitensi. Certamente, aumentare l’esposizione verso titoli con una certa sensibilità agli utili in questa fase del ciclo potrebbe dare i suoi frutti. Tuttavia, la selettività resta cruciale in un mondo determinato da esiti estremi”, avverte.

Ulteriori notizie positive sui vaccini supporterebbero i settori più colpiti dalla pandemia, come viaggi, tempo libero, energia e finanza. In quest’ultimo comparto, il gestore afferma di concentrarsi, più che sulle banche tradizionali, su aree come investment banking, assicurazioni e società di gestione: si tratta infatti di player che dovrebbero beneficiare di un contesto di tassi bassi.

Ma soprattuto Berg invita a guardare al di là degli Usa per individuare nuove opportunità di alpha. “Dato che l’azionario USA ha ottenuto performance molto solide, stiamo monitorando altre aree alla ricerca di maggiore valore, in particolare l’Apac e l’Europa – sottolinea -. Crediamo che l’Asia stia assumendo un ruolo sempre più centrale nel mondo: è l’area dove i mercati si stanno ampliando di più, le economie stanno crescendo più in fretta e stanno nascendo la maggior parte dei nuovi miliardari. In questo senso, è anche il luogo dove si possono trovare le occasioni più sottovalutate per gli investitori”.

La ripresa della Cina dalla pandemia è in netto contrasto con quella dei mercati sviluppati. Il Paese probabilmente sarà uno dei pochi ad ottenere una crescita positiva nel 2020. Più in generale, per il gestore sebbene il premium di crescita dei mercati emergenti sia in calo da molto tempo e gli utili nel complesso siano stati deludenti, molte delle economie emergenti continuano ad avere vantaggi di lungo periodo in termini di potenziali rendimenti generati per gli investitori. “Al momento, i mercati che prediligiamo sono India, Indonesia, Filippine e Perù, con una forte convinzione anche su diverse posizioni nel settore dei consumi cinese”, chiarisce.

Anche l’Europa è diventata più attraente. “Pur non offrendo uno spettro di opportunità a crescita elevata pari agli Usa o alla Cina, vi sono diversi titoli orientati al cambiamento che stiamo monitorando con interesse, in un contesto che sembra in via di miglioramento, soprattutto a partire dalla primavera 2021 – sostiene -. L’aspetto chiave per noi in questa fase del ciclo azionario è la capacità di un’azienda di far crescere i propri utili, un aspetto che resta il driver più importante per la performance dei titoli nel lungo termine”.

In un contesto complesso la parola d’ordine è concentrarsi sui singoli titoli. Una preoccupazione per molti investitori è che i mercati azionari siano rimbalzati troppo e troppo in fretta, soprattutto se si considera la concentrazione dei rendimenti. Ciò potrebbe effettivamente creare eccessivo entusiasmo se le buone notizie proseguissero ininterrotte. “La nostra view, tuttavia, è che, sebbene le valutazioni includano un premium in termini assoluti, ci troviamo comunque in un mondo di stimoli monetari e fiscali senza precedenti, che sono favorevoli per gli asset rischiosi. Per questo motivo, crediamo che le valutazioni non siano estreme e che i mercati azionari continueranno a offrire opportunità, soprattutto se paragonati ad altre asset class”, evidenzia Berg, aggiungendo che d’altra parte, le condizioni attuali sono particolarmente favorevoli per la selezione dei titoli. “Il 2021 verrà probabilmente attraversato da ondate di volatilità, soprattutto se il contesto peggiorerà prima di migliorare, e vi saranno sicuramente dati che innescheranno momenti di pessimismo nei prossimi mesi”. 

Tra gli investitori c’è anche preoccupazione sul fatto che non vi siano vere ragioni per giustificare un mercato azionario ‘toro’ a livello fondamentale. “Tuttavia – conclude l’esperto -, questo sguardo complessivo ‘top-down’ sul mondo non tiene conto della ricchezza di opportunità che stiamo riscontrando a livello dei singoli titoli, soprattutto tra quelli growth che beneficiano dei cambiamenti sociali ed economici in corso. In ultima analisi, un contesto di dispersione delle valutazioni e dei risultati aziendali è favorevole per gli investitori attivi, offrendo una grande varietà di opportunità da sfruttare caso per caso”.

Commenta



Articoli correlati

Azionario, fino a quando durerà il rally?

Enzo Facchi

Dollaro, ecco cosa accadrà nel 2023 

Enzo Facchi

Certificati, da Unicredit 25 nuovi fixed cash collect

Enzo Facchi
UA-69141584-2