Investi

Btp ma non solo: 3 motivi per puntare sul debito italiano

btp

Per Vontobel, l’operato di Draghi e la solidità del sistema bancario rendono l’Italia particolarmente appetibile

I Btp sono diventati più economici e le obbligazioni degli istituti di credito italiani sono particolarmente interessanti, anche in virtù della solidità del sistema bancario. L’ennesimo endorsement per l’Italia arriva da Mondher Bettaieb-Loriot, head of corporate bonds di Vontobel, stando al quale il debito tricolore è ormai decisamente attraente.

“Il programma di stabilità 2021 dell’Italia porterà probabilmente a uno dei rimbalzi economici più forti tra i paesi europei quest’estate”, afferma Mondher Bettaieb-Loriot, head of corporate bonds di Vontobel, secondo cui il Paese offre attualmente interessanti opportunità d’investimento con la possibilità di guadagnare un buon reddito ‘carry’ e solide cedole. “I titoli di Stato italiani – sottolinea – sono diventati più economici di recente, e le obbligazioni bancarie italiane offrono un valore interessante, specialmente gli AT1 subordinati. Inoltre, la politica italiana ha vissuto una grande rinascita, a mio parere, e si potrebbe anche dire che l’Italia sta ora facendo un salto di qualità nella politica europea”.

Per Bettaieb-Loriot ci sono tre punti da considerare. Il primo è proprio ‘Super Mario’ Draghi, che a detta dell’esperto “si è destreggiato bene arrivando alla guida del governo italiano grazie alle ansie e ai timori del presidente Sergio Mattarella e dell’ex primo ministro Matteo Renzi per la cattiva gestione del fondo di ripresa Ue da parte del precedente governo di coalizione. L’esborso delle risorse del Recovery Fund dell’Ue era legato a riforme che avrebbero dovuto favorire ulteriormente la ripresa economica e l’impatto, ma ciò è stato visto come vulnerabile per la coalizione esistente”.

“Entro otto settimane dal suo insediamento – prosegue -, il primo ministro Draghi ha messo in atto un programma ambizioso e, data la sua esperienza con le istituzioni dell’Ue, la probabilità che il piano fosse conforme ai requisiti dell’Ue ha appianato il dialogo con la Commissione europea quasi istantaneamente. Il piano, che mira ad ottenere il massimo impatto sulla crescita con 16 categorie di spesa, si concentrerà essenzialmente sulla spesa per la transizione verde ed ecologica, tra cui l’efficienza energetica e la ristrutturazione degli edifici, la digitalizzazione dei sistemi di produzione e distribuzione, al fine di migliorare la competitività (solo il 30% delle aziende italiane ha una versatilità sull’e-commerce secondo Bank of America). Infine, il piano di Draghi affronta l’ammodernamento delle infrastrutture obsolete del paese e la manutenzione dell’alta velocità ferroviaria e stradale”.

“Il piano di spesa dirotterà il 40% delle risorse verso le regioni meridionali del paese con temi chiave che enfatizzano le pari opportunità per le donne e le giovani generazioni – osserva ancora Mondher Bettaieb-Loriot -. Super Mario ne sa qualcosa di debito, e chiama i fondi di rilancio dell’Ue un buon debito che deve essere gestito diligentemente per rigenerare l’Italia. In parlamento, quando ha cercato l’approvazione del suo piano, Draghi ha detto ‘senza l’Italia non c’è Europa’ e sa molto bene che non ha alternative se non riuscire dove le sfide della crescita hanno confuso ogni governo da quando il paese è stato unificato a metà del 19° secolo”.

Il secondo punto da considerare è sempre lui, Draghi, che Bettaieb-Loriot chiama “l’artigiano” e che ha iniziato bene il suo mandato di primo ministro dando all’Italia una leva in Europa in un modo che non si vedeva da decenni. “Prima di mettere la crescita al centro della sua strategia di riduzione del debito, Draghi sapeva che doveva agire in fretta per tamponare un lancio del vaccino Covid-19 che è stato rovinato da carenze di consegna e problemi logistici – analizza l’esperto -. Inoltre, ha agito rapidamente prendendo in mano la situazione. Grazie alla sua ‘ingegneria’ dietro le quinte, usando la sua rete di connessioni e la sua reputazione (secondo i media italiani era al telefono con i dirigenti dei principali produttori di vaccini), la Commissione europea ha autorizzato misure ampie e severe per limitare le esportazioni di vaccini Covid-19. I programmi di consegna dei vaccini disperatamente necessari furono migliorati, non solo per l’Italia ma per tutta l’Europa, al punto che i grandi paesi europei erano in grado di somministrare mezzo milione di dosi al giorno alla loro popolazione”.

Tale sviluppo, a detta dell’esperto, è stato fondamentale prima di finalizzare il programma di stabilità dell’Italia, poiché insieme i due aspetti andavano di pari passo per garantire una ripresa economica sostenuta, che a sua volta sarebbe stata fondamentale per stabilizzare e abbassare il rapporto debito pubblico/Pil dell’Italia. “Il programma di stabilità prevede una crescita del 4,5% quest’anno, seguita dal 4,8% nel 2022, con un rapporto debito pubblico/Pil in calo dal 160% di quest’anno al 153% entro il 2024. Tale traiettoria è positiva per il credito del paese, riflettendo un profilo di credito stabile o in miglioramento”, afferma.

Infine, terzo punto, le banche. “Tutto ciò ci porta al sistema bancario italiano, poiché una rinnovata crescita economica e un sistema bancario più sano sono due facce della stessa medaglia – fa notare l’esperto Vontobel -.  I crediti in sofferenza delle banche italiane dovrebbero rimanere sotto controllo anche nel 2021, dato che i piani di moratoria legati al decreto ‘Cura Italia’ saranno probabilmente estesi da giugno a dicembre 2021. Anche la possibilità di concedere prestiti garantiti dallo Stato sarà probabilmente estesa fino a dicembre 2021, secondo Bank of America. L’attuale proposta legislativa è alla ricerca di garanzie al 100% per prestiti alle piccole imprese (80% per le pmi) fino a 100.000 euro e rimborsabili in 30 anni. Lo schema proposto coprirebbe circa 250 miliardi di euro di prestiti”.

Anche lo smaltimento dei crediti deteriorati, secondo Bettaieb-Loriot, dovrebbe essere fondamentale per la qualità degli attivi bancari nel 2021. “La tendenza alla vendita di Npl o prestiti in sofferenza è destinata a continuare quest’anno e il rapporto lordo dei crediti deteriorati del settore è sceso a circa il 7% nel 2020 da un picco del 17% nel 2016”.

“L’adeguatezza del capitale e la solvibilità sono migliorate nel 2020 in quanto i coefficienti patrimoniali hanno beneficiato del blocco dei dividendi e delle garanzie sugli aiuti di Stato, che hanno abbassato le attività ponderate per il rischio. Ecco perché mi piacciono le obbligazioni bancarie in Italia, in particolare i tradizionali strumenti di capitale AT1 dei maggiori campioni bancari italiani (Intesa, Unicredit, Banco BPM Tier Ones). Nel complesso, in Europa, gli AT1 offrono ancora un interessante reddito da carry, in un mercato del credito che ha subito una compressione degli spread dall’inizio dell’anno”, conclude l’esperto.

Commenta



Articoli correlati

Azionario 2023: nuove opportunità  (ma con un nuovo playbook)

Enzo Facchi

Nuovo Etf a Piazza Affari targato Global X

Enzo Facchi

Azionario, fino a quando durerà il rally?

Enzo Facchi
UA-69141584-2