Investi

Certificati, nuovi double maxi cash collect targati Bnp

cerrtificati premi fissi

I panieri dei nuovi certificati sono composti da azioni Ue e Usa e prevedono due maxi premi tra il 6,5% e l’11% e barriere fino al 50%

Bnp Paribas ha lanciato una nuova serie di certificati double maxi cash collect su panieri di azioni worst-of con durata triennale. La nuova emissione offre due maxi premi potenziali tra il 6,5% e l’11% ciascuno, nelle prime due date di valutazione trimestrali, anche in caso di ribassi moderati delle azioni sottostanti, e successivi premi potenziali a cadenza trimestrale. Tutti i premi, compresi i maxi, godono di effetto memoria. La barriera è posta al 50%, 55% o 60% del valore iniziale di ciascuna delle azioni sottostanti, a seconda del Certificate.

Rispetto ai maxi cash collect, i double maxi cash collect offrono dunque la possibilità di ricevere due maxi premi anziché uno, rispettivamente alla fi­ne del terzo e del sesto mese di vita del certificate, a condizione che tutte le azioni del paniere siano superiori o pari alla barriera. Oltre ai due maxi premi iniziali, nelle date di valutazione trimestrali successive i certificate pagano un premio trimestrale dall’1% al 2% qualora la stessa condizione sia soddisfatta. Sia i maxi premi sia i premi successivi dispongono dell’effetto memoria. Grazie all’effetto memoria, se a una delle date di valutazione successive, tutte le azioni del paniere quotano a un valore uguale o superiore al livello barriera, i certificati pagano un premio cumulativo che comprende tutti i premi non pagati nelle precedenti date di valutazione intermedie.

L’altra novità riguarda i sottostanti. Infatti, tra i 14 Certificate su panieri worst-of di azioni dell’emissione, 6 sono su sottostanti americani. In particolare troviamo i seguenti panieri su azioni US: Nio – Tesla – Ford, Twitter – IQIYI – Zoom, Moderna – Pfizer – J&J – BioNTech, Plug Power – Enphase Energy – Solar Edge Technologies, Farfetch – Shopify – Zalando (quest’ultima non Us), Virgin Galactic – Thales (quest’ultima non Us). Inoltre, i certificati su sottostanti americani sono quotati in euro e tutti dotati dell’opzione “quanto”, per cui l’investitore non è esposto al rischio del tasso di cambio tra euro e dollaro.

Tornando al funzionamento del certificate, a partire dal sesto mese di vita, qualora in una delle date di valutazione trimestrali tutti i sottostanti del paniere quotino ad un valore superiore o pari al valore iniziale, il certificate scade e rimborsa il valore nominale di 100 euro, oltre al premio con eventuale effetto memoria.

Quando il certificate giungerà a scadenza, si prospettano due possibili scenari: se tutti i sottostanti quotano a un livello pari o superiore al livello barriera, il certi­ficate rimborsa il capitale investito più gli eventuali premi non pagati precedentemente (effetto memoria); se invece la quotazione di almeno una delle azioni del paniere è inferiore al livello barriera, il certi­ficate paga un importo commisurato alla performance negativa del sottostante peggiore del paniere, con conseguente perdita sul capitale investito.

Ad esempio, il double maxi cash collect su Ford Motor, NIO e Tesla pagherà due maxi premi iniziali del 9,50% ad agosto e novembre 2021 se tutte le tre azioni del paniere quoteranno a un valore pari o superiore alla barriera (55%). Successivamente, il certificate paga un premio trimestrale con effetto memoria del 1,50% (6,00% annuo) se, ad ogni data di valutazione intermedia, il valore di tutte le azioni che compongono il paniere è maggiore o uguale al livello barriera (rispettivamente 6,6770$, 18,8045$ e 317,8285$) e proseguirà la sua vita fino alla data di valutazione successiva. Dal sesto mese, qualora Ford Motor, NIO e Tesla quotassero al di sopra del valore iniziale (12,14$, 34,19$ e 577,87$) nelle date di valutazione, il certificate, oltre al pagamento del premio con effetto memoria, rimborserà anticipatamente anche il valore nominale (100€ per Certificate).

“I nuovi double maxi cash collect su panieri di azioni vanno ad arricchire la nostra ampia offerta di certificati di investimento – commenta Luca Comunian, head of marketing, distribution Italy di Bnp Paribas Corporate & Institutional Banking -. L’elemento distintivo di questa emissione è il pagamento di ben due maxi-premi iniziali ognuno compresi tra l’6,5% e l’11% entro la fine dell’anno, oltre alla barriera profonda di protezione del capitale a scadenza, posta tra il 50% e il 60% del valore iniziale. Inoltre, i nuovi certificate consentono agli investitori di accedere alle azioni del mercato statunitense attraverso uno strumento denominato in euro e quotato su Borsa Italiana, protetto inoltre dal rischio cambio tra euro e dollaro”.

Commenta



Articoli correlati

Asset allocation, gli investitori europei tornano all’obbligazionario

Enzo Facchi

Certificati, da Bnp Paribas 15 low barrier cash collect

Enzo Facchi

Oro, i quattro fattori da monitorare nel 2023

Enzo Facchi
UA-69141584-2