Investi

Cina e Giappone, dove trovare le migliori opportunità

Secondo Gam, le aziende cinesi continueranno a fare profitti nonostante i cambiamenti normativi. E il manifatturiero giapponese è già ripartito e ha fondamentai solidi

La stretta normativa della Cina e la battuta d’arresto del Giappone non devono trarre in inganno gli investitori: Pechino offre ancora ottime opportunità, che il governo non ha alcuna intenzione di affossare, e Tokyo è pronta a ripartire da solidi fondamentali. Ne sono convinti gli esperti Gam, che in un report spiegano quali sono i settori da privilegiare.

Cina, le aziende possono continuare a fare profitti

Dopo la significativa correzione estiva delle azioni cinesi, dovuta principalmente al cambiamento normativo, secondo Jian Shi Cortesi, investment director azionario Cina e Asia di Gam, è importante guardare oltre i movimenti del mercato e concentrarsi sui driver sottostanti alla politica e considerare ciò che probabilmente accadrà nei prossimi mesi. 

“La Cina sta subendo un cambiamento di paradigma in ambito politico, verso la ‘prosperità comune’ – chiarisce -. In precedenza, le autorità si erano accontentate della creazione di ricchezza. Attualmente l’1% più ricco possiede il 30% della ricchezza cinese e il resto possiede meno del 10%. Un crescente divario di ricchezza sta creando alcune tensioni sociali. Questo non è dissimile da altri Paesi, e quei Paesi hanno spesso visto la frustrazione per il divario di ricchezza incanalata sotto forma di elezioni. In Cina, con la missione di ‘servire il popolo’, il governo ha delineato tre divari di ricchezza da affrontare: urbano contro rurale, ricco contro povero e regioni costiere contro aree interne con redditi inferiori alla media. L’obiettivo finale è una società più armoniosa, una minore tensione sociale e un migliore benessere fisico e mentale per i cittadini. Non si tratta di un’uguaglianza di ricchezza e di reddito, ma piuttosto di aiutare i poveri a progredire”.

Il cambiamento normativo riguarda molti settori, tra cui internet, il settore housing e il tutoraggio. Ma le aziende cinesi possono continuare a fare profitti? “Siamo fiduciosi che molte possano adattarsi bene – assicura l’investment director -. In sostanza, la Cina non è contro le aziende private, poiché il settore è cruciale per la crescita economica: le aziende private sono responsabili della creazione del 90% dei nuovi posti di lavoro”. 

Per Cortesi, in futuro la Cina continuerà ad affrontare lo stesso dilemma politico: un eccessivo irrigidimento normativo nei settori può portare al panico, alla riduzione degli investimenti e a una minore crescita economica, mentre una regolamentazione meno rigida causa disordine e aumenta la possibilità di frodi e di bassi standard. “Ci aspettiamo che i cicli politici continuino a guidare il mercato azionario cinese – spiega -. Per ora, l’incertezza politica ha fatto scendere i prezzi delle azioni e sta creando opportunità di acquisto. Le aziende ‘Rising Star’ possono anche beneficiare di un campo di gioco più livellato in vari settori. Negli spazi del consumo e della tecnologia, le valutazioni di alcune società appaiono interessanti dopo la correzione e nel lungo termine continuiamo a vedere opportunità nelle energie rinnovabili, nella tecnologia, nei semiconduttori e nella produzione di fascia alta”.

Il Giappone torna a crescere

Quanto al Giappone, il Paese asiatico ha visto una sorta di battuta d’arresto a breve termine, che può essere attribuita a una serie di fattori. Ci sono state preoccupazioni per i ritardi del programma di vaccinazione per il Covid-19 e per la normalizzazione economica e c’è stata un’opinione condivisa che la sovraperformance delle azioni giapponesi avesse fatto il suo corso all’inizio del 2021, quando la ripresa in Cina e negli Stati Uniti è stata più rapida del previsto. 

“I problemi di governance di famosi marchi giapponesi come Toshiba e Mitsubishi Electric hanno turbato gli investitori, ma va notato che si tratta di questioni specifiche dell’azienda e che la governance generale sta migliorando – fa notare Reiko Mito, investment director azionario Giappone di Gam -. Un’ulteriore preoccupazione è l’incertezza politica sulla scia dell’annuncio del primo ministro Suga che si dimetterà alla fine del suo mandato, in mezzo alla pressione crescente dopo aver lottato per contenere i casi di Covid-19 nel Paese”.

Secondo l’investment director ci sono una serie di ragioni per credere che il Giappone si riprenderà dopo il ritardo di altri mercati globali. “I guadagni trimestrali di giugno sono stati migliori del previsto e i fondamentali solidi saranno probabilmente rivalutati – argomenta -. Il programma di vaccinazione ha accelerato dalla fine di maggio e sta raggiungendo quelli dei principali paesi occidentali: la pressione sociale affinché la gente si vaccini rimane alta. Anche la ripresa della produzione basata sulla domanda interna, non solo esterna, è iniziata. Mentre un eventuale rapido aumento dei tassi d’interesse rimane un rischio, lo consideriamo improbabile; vale la pena ricordare che un graduale aumento dei tassi d’interesse è la prova di una solida ripresa economica”. 

“Continuiamo anche a tenere d’occhio qualsiasi potenziale rinascita degli attriti tra Stati Uniti e Cina – aggiunge Mito -. Stiamo già iniziando ad assistere a una ripresa, con il settore manifatturiero in particolare a guidare il mercato. La capacità di spostare le linee di produzione è stata la chiave; dopo il Covid-19, sono in corso cambiamenti strutturali per consentire un’ulteriore automazione della produzione e un’accelerazione degli investimenti in nuove tecnologie. Anche i fattori ambientali, sociali e di governance (Esg) stanno guadagnando sempre più attenzione in termini di gestione dei fornitori da parte delle aziende, con aggiornamenti della catena di fornitura che includono prestazioni ambientali e tracciabilità anticipate. La ripresa dei consumi dovrebbe iniziare seriamente nel quarto trimestre di quest’anno, quando le cene fuori e i viaggi, che rappresentano una gran parte delle spese delle famiglie, si riprenderanno dai livelli ridotti a causa della pandemia”.

Detto questo, quindi, per l’investment director ci sono diverse opportunità d’investimento interessanti al momento. “Vediamo una domanda repressa nel settore dei beni capitali per macchinari di produzione che contribuiscono all’ambiente, all’efficienza del carburante e al rendimento della produzione. Si sta verificando anche la trasformazione digitale, che dovrebbe effettivamente consentire alle aziende di aumentare la loro linea di profitto senza aumentare i costi fissi. La spesa in conto capitale è solida, il che suggerisce una crescita a lungo termine”, conclude.

Commenta



Articoli correlati

Azionario, il testa a testa tra value e growth continuerà

Enzo Facchi

Per l’obbligazionario europeo un futuro positivo

Enzo Facchi

Certificati, nove memory cash collect targati Vontobel

Enzo Facchi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Continuando a navigare accettate il loro utilizzo. Accept Read More

UA-69141584-2