Investi

Cina, prospettive positive su tutti i fronti

Secondo gli esperti Schroders, nel 2021 Pechino crescerà del 9%. E azioni, bond e renminbi continueranno ad essere attraenti

“Primi ad entrarvi e primi ad uscirne” è l’espressione che riassume la storia dell’economia cinese con il Covid-19. Entrata per prima nella pandemia, la Cina è riuscita a evitare la seconda ondata e si è ripresa prima e più rapidamente rispetto alle altre principali economie, aiutata da un notevole pacchetto di stimoli. Guardando al 2021, in molti ritengono che la ripresa continuerà, ma quale forma avrà? Quali settori offriranno le migliori opportunità? E qual è l’outlook per il renminbi?

David Rees, senior emerging markets economist di Shroders non ha dubbi sul fatto che la ripresa economica cinese continuerà. “Ci aspettiamo che la crescita in Cina raggiungerà il +15/20% su base annuale nel primo trimestre del 2021, grazie all’impatto in ritardo delle misure di stimolo e al fatto che i primi tre mesi del 2020 hanno registrato un forte declino. Tuttavia, da lì in poi la crescita dovrebbe decelerare, con l’affievolirsi degli effetti – spiega -. Dopo una crescita stimata al +2,1% su base annuale nel 2020, ci aspettiamo che l’economia cinese crescerà del 9% nel 2021. A ritardare la normalizzazione delle politiche nel breve termine potrebbe essere la deflazione a inizio 2021. Ci aspettiamo che la solidità della ripresa garantirà un aumento graduale dell’inflazione core nel corso dell’anno. Tuttavia, nel breve periodo il timore della deflazione, in un momento in cui il debito è molto elevato, potrebbe preoccupare autorità e mercati”.

Passando alle asset class, le prospettive per l’azionario di Pechino sono buone anche senza vaccino. Secondo Louisa Lo e Jack Lee, rispettivamente head of greater China equities e fund manager di Schroders, insieme all’economia anche la politica monetaria tornerà alla normalità, soprattutto in riferimento all’allentamento monetario, con le autorità cinesi che continueranno a dare priorità alla riduzione dei livelli di debito e alla limitazione degli eccessivi livelli di prestiti.

“Sebbene i Fai (Fixed Asset Investment), soprattutto su infrastrutture e property, abbiano contribuito a supportare la crescita nel 2020, ci aspettiamo che questi si concentreranno soprattutto sulle ‘nuove infrastrutture’ (5G, data centre, Internet of Things) nel prossimo futuro”, affermano, sottolineando come le abitudini dei consumatori cinesi continueranno a evolversi, con la crescita dei loro redditi, e ciò permetterà una crescita dei consumi nel Paese.

“Naturalmente – precisano -, tutto il mondo guarda con attenzione alle novità sul vaccino per il Covid-19, che determineranno le tempistiche della ripresa globale, modificando le aspettative sull’inflazione. Tuttavia, l’arrivo di un vaccino è più significativo per altri Paesi, dove la pandemia è meno sotto controllo, che non per la Cina, e ciò potrebbe innescare dei deflussi dai mercati cinesi verso altre economie. In ogni caso, il posizionamento ancora ridotto degli investitori globali sulle azioni cinesi e le valutazioni ragionevoli rispetto ai peer globali potrebbero incoraggiare ulteriori afflussi nel mercato”.

A livello di settori, i due esperti ritengono che i segmenti più esposti ai temi di crescita di lungo periodo continueranno a sovraperformare. “Ci piacciono soprattutto i comparti legati all’automazione industriale, veicoli e componenti elettrici, e quelli con catene di approvvigionamento localizzate – evidenziano -. Una ripresa globale ampia facilitata dal vaccino dovrebbe supportare i settori ciclici, dove le valutazioni sono ancora contenute rispetto ai settori growth”.

A livello geopolitico, l’imminente cambiamento alla leadership a Washington ha implicazioni anche per la Cina. “Riteniamo che le tensioni probabilmente non si ridurranno sotto l’Amministrazione Biden, dato che è bipartisan l’opinione che la Cina sia un rivale strategico per gli Usa. Infatti, l’impatto della strategia anti-Cina di Biden potrebbe addirittura essere ancora più ampio, dato che il suo stile amministrativo potrebbe essere più coordinato e strutturato rispetto a quello del suo predecessore”, concludono Lo e Lee.

Anche bond e renminbi continueranno a essere attraenti. “Le valutazioni dei bond cinesi sembrano attraenti e i fondamentali del Paese solidi. Questi due fattori dovrebbero sostenere sia la domanda che i rendimenti nel 2021 – assicura Julia Ho, head of Asian macro di Scroders -. A livello di valutazioni, i ritorni dei bond cinesi onshore offrono livelli attraenti rispetto ai titoli di Stato dei mercati sviluppati. Il bond sovrano cinese a 10 anni ad esempio offre un rendimento del 3,3% circa rispetto all’equivalente Usa di 0,8% (a fine novembre)”.

In generale, l’esperto si aspetta che la Cina sarà l’unica tra le principali economie mondiali a mostrare una crescita economica positiva nel 2020. “L’inflazione resta contenuta, con la domanda globale che continua a essere debole. Questi due fattori insieme hanno permesso alla banca centrale una maggiore flessibilità nella sua politica monetaria, consentendole di supportare in modo più efficiente le piccole aziende. Il renminbi è un altro fattore di supporto per i bond cinesi. Riteniamo che il dollaro si indebolirà nel lungo periodo a causa degli ampi ‘deficit gemelli’ (fiscale e delle partite correnti) negli Usa e dei programmi illimitati di Qe. Vedremo se la valuta cinese diventerà ancora più diffusa a livello internazionale”, conclude Ho.

Commenta



Articoli correlati

Inflazione, in Europa vola al 9,8%

Andrea Dragoni

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione
UA-69141584-2