Investi

Cirdan Capital, un certificato per proteggersi dai rialzi dei tassi

Il certificato prevede una cedola trimestrale e uno spread del 3,30% annuale rispetto al tasso di riferimento. Il rimborso a scadenza è alla pari

Cirdan Capital, società finanziaria indipendente fondata nel 2014 specializzata nell’emissione di prodotti d’investimento strutturati, ha ampliato la propria gamma mettendo a disposizione degli investitori su EuroTLX di Borsa Italiana con ISIN IT0006750985, un nuovo certificato Cirdan Floating Rate 2024 che offre una valida soluzione per tutelare il portafoglio investito dai movimenti al rialzo dei tassi d’interesse. 

Il nuovo certificato a tasso variabile è indicizzato al tasso Estron, il tasso di riferimento dell’Unione europea e dell’Associazione europea di libero scambio (Aels). Le caratteristiche principali del certificato sono una cedola trimestrale e uno spread del 3,30% annuale rispetto al tasso di riferimento. Il rimborso a scadenza è alla pari. 

Le obbligazioni a tasso variabile consentono agli investitori di conseguire rendimento e al contempo isolare il portafoglio dall’effetto del rialzo dei tassi, senza incrementare il rischio. Infatti la duration bassa che li caratterizza protegge gli investitori dall’effetto negativo sul prezzo generato dall’aumento dei tassi e la cedola variabile permette di offrire un rendimento potenzialmente crescente. 

“Il Cirdan Floating Rate 2024 quotato in Borsa Italiana risponde alle esigenze degli investitori nell’attuale contesto di mercato ed è particolarmente indicato per coloro che credono in una crescita dei rendimenti obbligazionari o che vogliono assumere un atteggiamento difensivo sui tassi di interesse. Inoltre, lo strumento rappresenta una novità per il mercato italiano, confermando la natura innovativa di Cirdan Capital”, ha commentato Antonio De Negri, founder e ceo di Cirdan Capital.

Commenta



Articoli correlati

Il futuro andrà a idrogeno verde

Enzo Facchi

America Latina, dove trovare le migliori opportunità

Enzo Facchi

Da Ram Ai un fondo sui megatrend della Next Generation

Enzo Facchi
UA-69141584-2