Investi

Da Invesco un Etf sui bond ibridi europei

È il primo Etf in Europa con un’esposizione diversificata a titoli ibridi a tasso fisso denominati in euro ed emessi da società non finanziarie o agenzie governative

Si chiama Invesco Euro Corporate Hybrid Bond Ucits Etf Dist ed è il primo Etf in Europa con un’esposizione diversificata ai titoli ibridi emessi da società non finanziarie europee appena quotato da Invesco. “I bassi tassi di interesse e gli scarsi rendimenti offerti dai tradizionali segmenti obbligazionari governativi spingono molti investitori a cercare fonti alternative di rendimento – spiega la società in una nota -. Tra queste, vi sono i titoli high yield, ma non tutti gli investitori sono disposti ad assumersi maggiori rischi. Una valida alternativa può essere rappresentata dai titoli ibridi emessi da società non finanziarie europee, che offrono ulteriori opportunità per diversificare l’esposizione settoriale”.

Invesco Euro Corporate Hybrid Bond Ucits si concentra su obbligazioni denominate in euro che rappresentano circa i due terzi dei 140 miliardi di euro di emissione.

“I titoli ibridi sono una tipologia speciale di obbligazioni – spiega Franco Rossetti, senior relationship manager presso Invesco -. Pagano cedole come altre obbligazioni, ma sono emesse in modo perpetuo o con scadenze molto lunghe, cosa che le rende simili alle azioni. Tuttavia, è la loro subordinazione all’interno della struttura di capitale dell’emittente che li rende potenzialmente interessanti per gli investitori. Situati appena al di sopra del common equity, gli ibridi in genere offrono rendimenti più elevati rispetto al debito senior dello stesso emittente. Inoltre, circa il 75% dei titoli ibridi è emesso da società con un rating di credito investment grade. Ciò significa che un portafoglio di titoli ibridi dovrebbe avere una migliore qualità del credito rispetto a un tipico portafoglio ad alto rendimento”.

Invesco Euro Corporate Hybrid Bond Ucits Etf è stato pensato per fornire un’esposizione passiva a un benchmark diversificato di titoli ibridi a tasso fisso denominati in euro ed emessi da società non finanziarie o agenzie governative. Sono in atto vincoli per migliorare la negoziabilità e la qualità del credito dell’indice, con componenti che devono avere un minimo di 500 milioni di euro in circolazione, scadenze di almeno 1,5 anni dall’emissione e un rating di credito minimo di Ba1/BB+. Inoltre, i singoli titoli saranno limitati all’8% del valore complessivo dell’indice.

“Il nuovo Euro Corporate Hybrid Bond Ucits Etf si inserisce all’interno della nostra gamma dedicata alle strategie di reddito alternativo e che include anche AT1 Capital Bonds e Preferred Shares. Questi Etf presentano una bassa correlazione con altre asset class, quindi potrebbero offrire importanti vantaggi in termini di diversificazione – conclude Rossetti -. Siamo stati uno dei primi emittenti di Etf in Europa ad aprire la porta agli investitori che desiderano accedere a queste fonti di capitale di bilancio. Se guardiamo ai flussi, notiamo che vi è sicuramente un forte interesse verso questo tipologia di prodotti. Basti pensare che il nostro Invesco AT1 Capital Bond Ucits Etf è cresciuto di oltre 750 milioni di dollari di Aum dal lancio. Gli Euro Corporate Hybrid bond sono simili per molti versi agli AT1 ma sono emessi da società non finanziarie, offrendo ulteriori opportunità agli investitori per diversificare le loro esposizioni in portafoglio”.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2