Investi

Da Lyxor e Directa il primo Pac in Etf in Italia senza commissioni

Si tratta di un’offerta di investimento digitale che unisce i vantaggi tipici degli Etf a quelli dei Piani di accumulo del capitale

Per rispondere al bisogno crescente di investimenti a lungo termine nei mercati da parte dei risparmiatori, Lyxor e Directa, hanno messo a punto il primo Pac in Etf senza commissioni di acquisto e disponibile online. Si tratta di un’offerta di investimento digitale, disponibile sulla app dLite e anche in versione web sul sito di Directa. Questa soluzione di investimento consentirà di unire i vantaggi tipici degli Etf (costi contenuti, diversificazione, semplicità) a quelli dei Piani di Accumulo del Capitale (investimenti graduali nel tempo e con un mitigato rischio di momento di accesso al mercato) e, in virtù del costo di acquisto nullo, renderà efficiente investire importi contenuti, risultando così ideale per i risparmiatori retail.

Secondo Banca d’Italia la pandemia ha contribuito a far raddoppiare in un solo anno la propensione media al risparmio degli italiani, passata dal 7,6% al 15,3% nel 2020 rispetto all’anno precedente. A fine 2020 si registrava infatti un ammontare di liquidità pari a oltre 1.500 miliardi di euro, penalizzata dall’attuale contesto di tassi negativi.

I 150 Lyxor ETF quotati su Borsa Italiana ed esposti a tutte le asset class e zone geografiche potranno essere impiegati nella costruzione del Pac di Directa. Inoltre, grazie a una specifica funzione della piattaforma, gli investitori attenti alle questioni Esg e climatiche potranno individuare facilmente gli strumenti che applicano questi filtri, sempre più rilevanti per la costruzione del portafoglio.

Il connubio tra il Pac di Directa e i Lyxor Etf ha permesso di portare sul mercato italiano una soluzione di investimento che in altri Paesi europei sta riscuotendo un grande successo. In Germania, per esempio, tutti i primari intermediari offrono Pac in Etf: gli investitori tedeschi ne hanno sottoscritti quasi 2,5 milioni, con un versamento medio mensile di 181 euro.

“Lo spirito innovativo che accomuna Lyxor e Directa consentirà di rendere ancora più accessibili gli investimenti in Etf in Italia, in linea con quanto già da Lyxor sviluppato in altri Paesi europei come Germania, Francia e Svezia – afferma Marcello Chelli, European head of distribution and retail per Lyxor Etf -. Il nuovo Pac di Directa in Lyxor Etf, senza commissioni di acquisto, permetterà infatti agli investitori retail italiani di versare importi anche contenuti e, in caso di necessità, comunque di sospendere o liquidare il Pac”.

“Con questo strumento automatico Directa fornisce una modalità molto semplice e conveniente per programmare i propri investimenti di lungo periodo a partire da piccole rate anche di pochi euro al mese – aggiunge Vincenzo Tedeschi, ad di Directa Sim -. L’investitore consapevole e indipendente può definire i propri obiettivi in autonomia: imposta il proprio PAC stabilendo l’importo che ha deciso di investire, sceglie la frequenza di invio dell’ordine e Directa lo investe a scadenze regolari”.

Le caratteristiche principali del Pac di Directa in Lyxor Etf sono quindi l’assenza di commissioni di negoziazione per l’acquisto dei Lyxor Etf; la periodicità degli investimenti quindicinale o mensile, su uno o più Etf; la durata del Pac a discrezione dell’investitore (è sempre possibile sospendere o terminare il Pac); un universo investibile composto da oltre 150 Lyxor Etf quotati su Borsa Italiana; un importo minimo mensile investito in un Etf costituito dal prezzo dell’Etf in cui si intende investire; giorno di acquisto a discrezione dell’investitore, il 1° o il 15° giorno di ogni mese, o il primo giorno lavorativo che segue. L’investitore paga il Ter (Costo Totale Annuo) degli Etf acquistati in proporzione al periodo di detenzione, la commissione di vendita degli Etf, le imposte, le tasse ed eventuali ulteriori costi se previsti dalla piattaforma.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2