Investi

Due nuove obbligazioni targate Intesa Sanpaolo

Una in dollari Usa e l’altra in dollari australiani hanno cedole annuali fisse lorde rispettivamente del 2,70% e del 2,25%

Sbarcano sul mercato Mot e su EuroTLX di Borsa Italiana due nuove obbligazioni emesse da Intesa Sanpaolo. Si tratta di un’obbligazione denominata in dollari Usa e di una denominata in dollari australiani: la prima, della durata di 10 anni, prevede il pagamento di cedole annuali fisse lorde del 2,70% (ISIN XS2322452553), mentre l’altra, della durata di 7 anni, prevede cedole annuali lorde fisse del 2,25% (ISIN XS2322452637). 

Le due nuove obbligazioni si affiancano all’obbligazione a tasso fisso in sterline inglesi della durata di 10 anni (ISIN XS2294840363) e alle due denominate in dollari Usa (ISIN XS2294835017 e XS2241390710) emesse nei mesi precedenti. Grazie a questa emissione Intesa Sanpaolo espande l’offerta di obbligazioni quotate direttamente sui mercati e negoziabili sul MOT ed EuroTLX, che salgono a quota 54 e che possono essere utilizzate per diversificare il proprio portafoglio di investimento, grazie alla possibilità di scegliere tra diverse strutture cedolari e tra 5 diverse valute. 

L’obbligazione tasso fisso dollaro Usa della durata di 10 anni corrisponde delle cedole annue lorde fisse pari al 2,70%, mentre l’obbligazione tasso fisso dollaro australiano di durata di 7 anni corrisponde delle cedole annue lorde fisse pari all’ 2,25%. Il taglio minimo di quest’ultima obbligazione è pari a 2.000 aud. L’obbligazione tasso fisso sterlina inglese ha una durata di 10 anni e corrisponde delle cedole annue lorde fisse pari al 1,40%. Il taglio minimo dell’obbligazione è pari a 1.000 gbp. L’obbligazione tasso fisso dollaro Usa di durata di 8 anni corrisponde delle cedole annue lorde fisse pari all’1,90%. L’obbligazione cedola crescente dollaro Usa ha una durata di 7 anni e paga delle cedole annue crescenti: nei primi due anni corrisponde una cedola lorda dell’1,20%, il terzo e il quarto anno una cedola lorda dell’1,50%, il quinto e il sesto anno dell’1,90% mentre l’ultimo anno corrisponde una cedola annua lorda del 2,25%. Il taglio minimo delle obbligazioni denominate in dollari statunitensi è pari a 2.000 usd. 

Le obbligazioni emesse da Intesa Sanpaolo sono di tipo senior unsecured e possono essere acquistate e rivendute al prezzo di mercato sul Mot e su EuroTLX di Borsa Italiana attraverso la propria banca o intermediario/broker di riferimento. L’investimento nelle obbligazioni denominate in dollaro Usa, sterlina inglese e dollaro australiano è esposto al rischio legato all’andamento del tasso di cambio: un deprezzamento della valuta estera nei confronti dell’euro porterebbe ad una diminuzione del rendimento (che potrebbe risultare anche negativo), mentre un apprezzamento della valuta estera genererebbe un rendimento aggiuntivo rispetto al tasso cedolare. 

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2