Investi

Due nuovi fondi azionari globali per Flossbach von Storch

leonteq

Uno è focalizzato su società di ottima qualità e con un profilo attraente in termini di dividendi, l’altro su aziende in forte crescita nei mercati emergenti

Flossbach von Storch porta in Italia i due fondi azionari Flossbach von Storch – Dividend e Flossbach von Storch – Global Emerging Markets Equity.  Entrambi i fondi, disponibili in Italia da marzo, vantano un track record pluriennale e sono adatti agli investitori con un orizzonte d’investimento di almeno cinque anni.

“Abbiamo deciso di offrire alla clientela italiana due nuovi fondi azionari – spiega  spiega Kurt von Storch, fondatore e amministratore di Flossbach von Storch AG – perché siamo convinti che le azioni rappresentino una componente essenziale per la creazione di un portafoglio a lungo termine, soprattutto in un mondo senza tassi d’interesse”. La società, che cura la gestione dei fondi di Flossbach von Storch Invest S.A., è finora nota in Europa soprattutto per le sue strategie multi-asset pluripremiate.

Il Flossbach von Storch – Dividend è un fondo azionario globale focalizzato su società di ottima qualità e con un profilo attraente in termini di dividendi. La strategia del fondo si distingue sul mercato perché non si limita a valutare i rendimenti da dividendo, ma la ‘qualità dei dividendi’ che riflette la qualità dell’azienda. “Cerchiamo delle realtà che pagano da tempo dividendi affidabili e li aumentano regolarmente – precisa il gestore del fondo, Ludwig Palm -. È importante che una società possa permettersi di corrispondere i dividendi anche in un’ottica futura”. In Italia, il comparto è finora registrato solamente per l’offerta ai clienti professionali.

Il Flossbach von Storch – Global Emerging Markets Equities è un fondo azionario globale che investe sia in società di qualità in forte crescita dei paesi emergenti, sia in aziende di prim’ordine dei paesi industrializzati che generano una quota significativa del proprio fatturato negli Emerging Markets. “Cerchiamo società con modelli di business sostenibili, prevedibili e di successo durevole, e con dei team manageriali che agiscono con integrità”, chiarisce il gestore Michael Altintzoglou. Il processo di valutazione tiene inoltre conto di fattori come le condizioni quadro istituzionali, la politica monetaria e fiscale, i tassi d’inflazione e l’andamento monetario dei singoli Paesi.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2