Investi

Ecco dove il fixed-income offre ancora income

mercati e volatilità

Titoli di Stato, credito high grade con duration breve e debito emergente in valuta locale possono generare valore. L’analisi di BlueBay Am

Dopo i commenti di Warren Buffet e Ray Dalio, entrambi riguardo al fatto che il fixed-income offra ormai poche prospettive di generare valore, David Riley, chief investment strategist di BlueBay Am, ha analizzato i mercati obbligazionari, per determinare in quali aree sia ancora possibile trovare valore, e soprattutto in quali no.

“Di recente, alcuni investitori hanno denigrato il fixed-income come se non offrisse alcun valore e non è difficile capire perché – osserva l’esperto -. I rendimenti offerti dai titoli di Stato sono sui minimi storici, con circa 12.000 miliardi di dollari di bond governativi con rendimento nominale negativo. Sebbene vi siano poche possibilità di generare reddito nei mercati obbligazionari core, soprattutto per gli investitori long-only, i titoli di Stato continuano ad offrire valore come assicurazione contro il rischio azionario nei portafogli di investimento. Un investitore attivo può generare valore anche in un contesto di rialzo dei tassi di interesse”.

Nella caccia al reddito, fa poi notare Riley molti investitori si stanno allontanando dai titoli di Stato, per favorire il credito high grade con duration breve, che offre rendimenti più elevati, minore correlazione al contesto di rialzo dei tassi di interesse e bassi rischi di default.

“Per gli investitori più avventurosi alla ricerca di rendimento e diversificazione – conclude l’esperto -, a offrire le migliori prospettive di reddito nel fixed-income è il debito dei mercati emergenti in valuta locale. Il rischio di default dei bond denominati in valuta locale è molto basso e anche adottando un hedge sui rischi valutari, molti dei mercati dei bond locali offrono rendimenti nominali e aggiustati per l’inflazione positivi”.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2