Investi

Goldman Sachs, nuova serie di fixed cash collect

I certificati hanno scadenza 18 mesi e premi fissi mensili tra 0,35% e 1,10% non condizionati all’andamento del sottostante

Nuova infornata di certificati per Goldman Sachs International, che ha lanciato sul SeDeX una serie di fixed cash collect con scadenza a 18 mesi. I nuovi strumenti offrono premi fissi mensili non condizionati all’andamento dei sottostanti per ciascuna delle 18 date di pagamento del premio. 

Alla scadenza, dopo 18 mesi, gli investitori riceveranno 100 euro per ciascun certificato nel caso in cui il prezzo ufficiale di chiusura del sottostante alla data di valutazione finale (24 febbraio 2022), sia uguale o superiore al livello barriera (pari al 75% del prezzo di riferimento del sottostante alla data di valutazione iniziale, 3 settembre 2020). Al contrario, se alla data di valutazione finale il prezzo ufficiale di chiusura del sottostante è inferiore al livello barriera, l’ammontare del pagamento a scadenza sarà commisurato alla performance negativa del sottostante e inferiore rispetto al prezzo di emissione, con conseguente potenziale perdita totale o parziale del capitale investito. 

Per esempio, ove il prezzo ufficiale di chiusura del sottostante alla data di valutazione finale sia inferiore del 30% rispetto al suo prezzo di riferimento iniziale, l’investitore, ipotizzando che abbia acquistato il certificato al prezzo di emissione, subirà una perdita del capitale pari al 30% e riceverà un ammontare pari a 70,00 euro per ciascun certificato. 

È possibile acquistare i certificati presso il SeDeX, sistema multilaterale di negoziazione degli strumenti derivati cartolarizzati organizzato e gestito da Borsa Italiana., attraverso la propria banca di fiducia, online banking e piattaforma di trading online. I Certificati sono negoziabili durante l’intera giornata di negoziazione.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2