Investi

L’inflazione toccherà il picco nel secondo trimestre. Come proteggersi

Per Ethenea, gli asset obbligazionari con una duration elevata sono più esposti ai rischi. Meglio puntare su commodities, immobiliare, oro e Tips 

“Le dinamiche d’inflazione a lungo termine non sono cambiate e rimangono di natura disinflazionistica”. Parola di Andrea Siviero, investment strategist di Ethenea independent Investors Sa, secondo cui a causa di fattori provenienti da forze strutturali e da un crescente squilibrio risparmio-investimento, la dinamica dei prezzi rimarrà debole, con un picco nel secondo trimestre 2021, per poi mantenersi contenuta. “Le maggiori banche centrali nei Paesi avanzati manterranno quindi politiche accomodanti per un periodo di tempo prolungato”, assicura.

Dal 2020, come osserva lo strategist, abbiamo visto misure monetarie e fiscali senza precedenti, finalizzate a invertire le forze deflazionistiche causate dalla pandemia ed evitare che la recessione globale si trasformasse in una depressione. Queste politiche, unitamente al lancio dei vaccini anti Covid-19 e alla progressiva riapertura delle economie, hanno sollevato preoccupazioni sul riemergere di pressioni inflazionistiche.

Nell’ultimo decennio, le pressioni inflazionistiche sono state contenute e diverse economie avanzate hanno sperimentato periodi di crescita negativa dei prezzi, qualcosa che secondo Siviero non può essere spiegato unicamente dai modelli di inflazione standard orientati alle dinamiche domestiche. “I fattori chiave che hanno determinato un’inflazione contenuta e al ribasso sono stati di natura strutturale, come ad esempio il progresso tecnologico, la transizione demografica, la globalizzazione e la capacità delle banche centrali di mantenere basse le aspettative di inflazione”, chiarisce.

“Nella situazione attuale, ci aspettiamo un aumento dell’inflazione nelle economie avanzate durante la prima metà del 2021, principalmente a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, delle limitazioni dell’offerta e di un effetto base positivo, raggiungendo il picco nel secondo trimestre – afferma dunque lo strategist – Un aumento costante e moderato dell’inflazione è associato a un’economia sana, poiché incoraggia la spesa e la crescita economica. Tuttavia, se i prezzi aumentano troppo rapidamente, la perdita di potere d’acquisto può avere un impatto sugli standard di vita e più alta è l’inflazione più è improbabile che i risparmiatori ottengano un ritorno reale sul loro denaro”. 

“Gli investitori ‘income-oriented’ e chiunque detenga liquidità saranno particolarmente colpiti dall’inflazione e anche i rendimenti degli investimenti a tasso fisso saranno inferiori – avverte -. Dal momento che le banche centrali tendono a contrastare un quadro inflazionistico aumentando i tassi d’interesse, gli asset obbligazionari con una duration più elevata saranno quelli che perderanno di più. Per proteggersi, occorre affidarsi a un portafoglio ben diversificato, che includa investimenti che offrono un incremento di valore e un rendimento superiori al tasso d’inflazione”.

Quanto al mercato azionario, per Siviero i settori che possono fornire rendimenti superiori all’inflazione sono quelli che traggono vantaggio da tassi di crescita più elevati o che sono in grado di trasferire l’aumento dei costi ai loro clienti. “A beneficiare dell’aumento dell’inflazione ci sono poi i beni reali. Questo vale per le materie prime, ma anche per i prezzi degli immobili e per l’oro – conclude -. Tuttavia se le banche centrali dovessero inasprire la loro politica dei tassi, questi asset potrebbero diventare meno interessanti. In alternativa, si possono considerare i Treasury inflation-protected securities (Tips), che pagano un tasso fisso, ma, essendo il loro valore capitale allineato al tasso d’inflazione, il rendimento finale include una protezione contro di essa. Infine, i ‘leverage loans’ nei confronti di società con alti livelli di indebitamento o con un basso punteggio di credito pagano tassi d’interesse più alti e tipicamente offrono un rendimento a tasso variabile che funge da garanzia contro l’inflazione”.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2