Investi

L’oro brillerà ancora a lungo

oro

Nonostante il recente aumento, per Pimco il metallo giallo rimane valutato in modo attraente. Ecco perché

I prezzi dell’oro hanno raggiunto nuovi massimi all’inizio di questo mese, spinti dai bassi tassi di interesse record in molte regioni, dalle preoccupazioni sull’inflazione e dall’aumento del debito pubblico. Ma la corsa non scoraggia gli esperti Pimco, secondo cui il lingotto rimane valutato in modo attraente, anche a questi livelli.

“Il nostro quadro si basa sulla nostra valutazione che, sebbene molti fattori influenzino il prezzo dell’oro, solo uno spiega la maggior parte dei movimenti dell’ultimo decennio – si legge in un report -: i cambiamenti nel rendimento reale (cioè corretto per l’inflazione) dei titoli di Stato. Come scritto in precedenza, il metallo nobile, per sua natura, ha essenzialmente un rendimento reale pari a zero, quindi proprio come i movimenti di valuta sono guidati da differenziali di rendimento reale, così dovrebbe essere per il prezzo”.

Gli esperti sottolineano che dal 2006 circa, l’oro è stato scambiato come un bene con una durata reale di quasi 30 anni (il che significa che una variazione di 100 punti base al di sotto dei rendimenti reali del Tesoro statunitense si è tradotta in un aumento di circa il 30% del suo prezzo ). “Dal punto di vista del mercato – proseguono -, con l’aumento dei rendimenti reali sui titoli di stato statunitensi, ci si aspetterebbe che gli investitori preferiscano marginalmente tali attività, spostandosi dall’oro verso i Treasury Usa e i Treasury Inflation-Protected Securities (Tips). I prezzi dell’oro dovrebbero diminuire nel processo. Al contrario, quando i rendimenti reali del Tesoro calano, i prezzi dell’oro tenderebbero a salire”.

Gli analisti Pimco sottolineano come dai numeri emerge che mentre il prezzo spot è aumentato vertiginosamente di recente (con il calo dei rendimenti del Tesoro), quello aggiustato per il rendimento reale (scontato dal livello dei rendimenti reali per la sua durata empirica) si è mantenuto abbastanza stabile. “Negli ultimi 15 anni, il prezzo dell’oro aggiustato per il rendimento reale è stato scambiato in un intervallo ristretto con un paio di eccezioni – chiariscono -. Il primo è stato dopo il lancio degli Etf sull’oro nel 2004 con gli investitori che hanno avuto un nuovo modo di accedere al mercato, creando un nuovo prezzo di compensazione più alto per il prezzo aggiustato per il rendimento reale. Il secondo è stato a seguito della crisi finanziaria, quando gli investitori si sono innamorati del lingotto e di come era cresciuto ogni anno nel decennio precedente”. 

Attualmente, l’oro viene scambiato all’estremità inferiore della fascia post-2004, ma per gli analisti è  probabile che il suo prezzo aggiustato per il rendimento reale possa spostarsi più in alto all’interno di quella fascia, poiché la recente performance attira più interesse nel mercato, simile a quanto accaduto dopo la crisi finanziaria del 2008.

Nonostante il recente aumento, per Pimco quindi il metallo giallo rimane valutato in modo attraente (“Si potrebbe anche dire a buon mercato”, scrivono) nel contesto di tassi di interesse reali storicamente bassi. Il rischio principale è che i tassi di interesse reali aumentino, rendendolo relativamente meno attraente. 

“Alle valutazioni correnti, tuttavia, vi è una certa protezione contro questa visione, con il prezzo dell’oro corretto per il rendimento reale all’estremità inferiore del suo intervallo negli ultimi 15 anni – concludono gli analisti -. Il nostro caso di base è che i tassi rimangono relativamente limitati al range; questa prospettiva, combinata con la nostra opinione che lo slancio e l’interesse per il metallo giallo fanno salire il prezzo corretto per il rendimento reale, indicano che l’oro può salire ancora”.

Commenta



Articoli correlati

Azionario, fino a quando durerà il rally?

Enzo Facchi

Dollaro, ecco cosa accadrà nel 2023 

Enzo Facchi

Certificati, da Unicredit 25 nuovi fixed cash collect

Enzo Facchi
UA-69141584-2