Investi

Materie prime, un futuro brillante

Ripresa, decarbonizzazione e offerta potrebbero spingere il settore. La view di Ubp

Una serie di fattori fa intravedere un futuro brillante per le materie prime, la cui fase rialzista sembra essere destinata a continuare. È quanto emerge dall’analisi di Norman Villamin, chief investment officer wealth management di Union Bancaire Privée (UBP), secondo cui anche se l’aumento dell’85% dai minimi registrati a marzo 2020 presenta delle similitudini con le fasi rialziste del mercato delle materie prime registratesi dopo la crisi finanziaria globale del 2008-09, il recupero attuale potrebbe divergere da quello di un decennio fa, spinto dalla domanda.

“Con l’Europa e gran parte dei mercati emergenti ancora in ritardo rispetto agli Stati Uniti sul fronte delle vaccinazioni e delle riaperture – spiega Villamin – e in combinazione con il prossimo aumento della spesa per le infrastrutture sia negli Stati Uniti sia in Europa con il Recovery Fund, i fattori di supporto per spingere una vera ripresa della domanda globale sono vicini, a differenza di quanto avvenuto nel 2008-09 con la domanda guidata da Usa e Cina”.

Oltre a questo, l’esperto sottolinea che le tre maggiori realtà economiche, Stati Uniti, Cina e Unione Europea, si sono impegnate per un’agenda di neutralità carbonica, un trend di investimento secolare volto a sostituire le infrastrutture preesistenti: ciò potrebbe apportare ulteriore slancio alla ripresa ciclica nel prossimo decennio.

Non solo. Accanto a questo fattore di supporto per la domanda, e a differenza del 2008-09 quando l’offerta era abbondante a seguito degli investimenti e dell’esplorazione guidati dalla Cina nel decennio precedente, l’offerta di materie prime industriali è limitata nel ciclo attuale dalla mancanza di spesa in conto capitale nell’ultimo decennio. “Così – conclude Villamin -, anche se le materie prime industriali hanno guadagnato il 58% nell’ultimo anno, questo rimane ben al di sotto del rally di quasi il 140% visto nei due anni dopo la crisi finanziaria globale, che non aveva la stessa spesa secolare per le soluzioni ambientali né i vincoli di approvvigionamento che il settore dovrà affrontare in futuro”.  

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2