Investi

Materie prime, un futuro brillante

Ripresa, decarbonizzazione e offerta potrebbero spingere il settore. La view di Ubp

Una serie di fattori fa intravedere un futuro brillante per le materie prime, la cui fase rialzista sembra essere destinata a continuare. È quanto emerge dall’analisi di Norman Villamin, chief investment officer wealth management di Union Bancaire Privée (UBP), secondo cui anche se l’aumento dell’85% dai minimi registrati a marzo 2020 presenta delle similitudini con le fasi rialziste del mercato delle materie prime registratesi dopo la crisi finanziaria globale del 2008-09, il recupero attuale potrebbe divergere da quello di un decennio fa, spinto dalla domanda.

“Con l’Europa e gran parte dei mercati emergenti ancora in ritardo rispetto agli Stati Uniti sul fronte delle vaccinazioni e delle riaperture – spiega Villamin – e in combinazione con il prossimo aumento della spesa per le infrastrutture sia negli Stati Uniti sia in Europa con il Recovery Fund, i fattori di supporto per spingere una vera ripresa della domanda globale sono vicini, a differenza di quanto avvenuto nel 2008-09 con la domanda guidata da Usa e Cina”.

Oltre a questo, l’esperto sottolinea che le tre maggiori realtà economiche, Stati Uniti, Cina e Unione Europea, si sono impegnate per un’agenda di neutralità carbonica, un trend di investimento secolare volto a sostituire le infrastrutture preesistenti: ciò potrebbe apportare ulteriore slancio alla ripresa ciclica nel prossimo decennio.

Non solo. Accanto a questo fattore di supporto per la domanda, e a differenza del 2008-09 quando l’offerta era abbondante a seguito degli investimenti e dell’esplorazione guidati dalla Cina nel decennio precedente, l’offerta di materie prime industriali è limitata nel ciclo attuale dalla mancanza di spesa in conto capitale nell’ultimo decennio. “Così – conclude Villamin -, anche se le materie prime industriali hanno guadagnato il 58% nell’ultimo anno, questo rimane ben al di sotto del rally di quasi il 140% visto nei due anni dopo la crisi finanziaria globale, che non aveva la stessa spesa secolare per le soluzioni ambientali né i vincoli di approvvigionamento che il settore dovrà affrontare in futuro”.  

Commenta



Articoli correlati

Mercati da rally? Meglio proteggersi

Enzo Facchi

Healthcare, ecco su cosa puntare

Enzo Facchi

Invesco, nuovo Etf Esg sui bond high yield

Enzo Facchi
UA-69141584-2