Investi

Mirabaud lancia il fondo Global Climate Bond

prestito personale

La strategia adotta un approccio ibrido: il 51% dell’allocazione su green bond e il resto su transition bond di emittenti corporate 

Mirabaud Asset Management rafforza il proprio impegno negli investimenti responsabili e sostenibili con il lancio del Mirabaud – Global Climate Bond Fund. Il fondo si rivolge a emittenti globali impegnate con convinzione nella riduzione delle emissioni e per la neutralità carbonica nel tempo, operanti all’interno e all’esterno del promettente mercato dei green bond.

Questa nuova strategia Mirabaud offre agli investitori un ampio ventaglio di opportunità al di là delle esposizioni ai green bond, emessi proprio per finanziare investimenti legati al clima e a basse emissioni di carbonio, grazie al suo duplice focus e all’investimento in transition bond.

Le opportunità di investimento nel segmento dei green bond, in rapida evoluzione, rimangono limitate a livello di industria, con il più ampio settore del reddito fisso che resta largamente escluso. Questo nuovo fondo con duplice strategia si prefigge a un tempo di sfruttare tutte le opportunità offerte dalla transizione energetica, investendo però anche in emittenti corporate che consentono di realizzare cambiamenti positivi in direzione della sostenibilità e in conformità con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima.

Con un approccio tematico bottom-up, il fondo mira a gestire attivamente il rischio di credito e la duration, cogliendo al contempo le opportunità di valore relativo nelle diverse aree geografiche, settori e componenti dell’universo obbligazionario. L’obiettivo è generare un rendimento totale a lungo termine che sia attraente ma che abbia una bassa volatilità, concentrandosi al contempo sugli obiettivi climatici e sulla sostenibilità. Il benchmark del fondo è il Barclays Global Aggregate Bond Index e il portafoglio stesso includerà aziende responsabili di un riscaldamento climatico per una temperatura media ponderata inferiore ai 2°C e zero emissioni nette, in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Il fondo Mirabaud – Global Climate Bond è gestito da Andrew Lake, head of fixed income di Mirabaud Asset Management, e Fatima Luis, senior fixed income portfolio manager, affiancati dal team Sri dedicato del gruppo, altamente qualificato. L’intenso programma di engagement sviluppato dal team avrà un duplice obiettivo: da un lato, la riduzione delle emissioni e, dall’altro, una migliore divulgazione in merito ai rischi del cambiamento climatico e la promozione di una governance efficace sui temi connessi al clima presso i consigli di amministrazione.

“Il riscaldamento del nostro pianeta, già insostenibile, avrà un impatto significativo su ambiente, economie, salute e futuro – commenta Lake -. Come investitori abbiamo una responsabilità nei confronti delle generazioni future e del nostro pianeta e dobbiamo garantire che le società e gli Stati perseguano livelli di governance ambientale elevati e si impegnino per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Possono sembrare parole forti, ma la scelta da fare è davvero netta”.

“In quanto gruppo finanziario indipendente con 200 anni di storia, con una proprietà familiare da sette generazioni, per noi la tradizione ha un ruolo cruciale. La sostenibilità è da tempo un perno del nostro pensiero e della nostra filosofia e il lancio del fondo dinamico e all’avanguardia Mirabaud – Global Climate Bond Fund è un ulteriore elemento a riprova del nostro impegno verso gli investimenti responsabili”, conclude Lionel Aeschlimann, managing partner del gruppo Mirabaud e ceo di Mirabaud Asset Management.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2