Investi

Non solo Tesla: tutte le opportunità della mobilità elettrica

Tahir (WisdomTree): “La crescita del tema di investimento dei veicoli elettrici non è catturata dal rally di un singolo titolo, ma si riferisce a un cambiamento strutturale”

Impossibile non sapere dell’incredibile aumento del prezzo delle azioni Tesla negli ultimi mesi: un balzo che ha attratto molti investitori e attirato altrettanta attenzione da parte dei media. Se i rally del mercato azionario sono spesso accompagnati dal rimpianto di aver perso l’onda e dall’angoscia per le valutazioni elevate, l’impennata di Tesla è però sintomatica di una tendenza più ampia, secondo Mobeen Tahir, associate director research di WisdomTree. “La transizione energetica sta accelerando, e il tema dei veicoli elettrici è in prima linea in questo megatrend”, assicura, sottolineando soprattuto che l’opportunità di investimento ora non è solamente più ampia di una manciata di titoli di alto profilo, ma anche orientata per un viaggio più lungo.

“Gli anelli ulteriori della catena del valore delle batterie – spiega Tahir – devono espandersi per consentire la crescita delle applicazioni di consumo, come i veicoli elettrici. La catena del valore comprende le materie prime e la produzione di batterie e si trova all’interno di un ecosistema più ampio che include tecnologie emergenti come la ricarica wireless e le celle a combustibile a idrogeno e i fattori abilitanti come il riciclaggio e le infrastrutture di ricarica. Un’ampia esposizione a questo ecosistema potrebbe essere un modo efficace per sfruttare il potenziale di crescita in questo settore”.

Batterie migliori, che sono sia efficienti dal punto di vista dei costi che del consumo di energia, favoriranno l’adozione dei veicoli elettrici in modo più ampio. L’esperto cita Wood Mackenzie, secondo cui i costi delle batterie dovrebbero dimezzarsi entro il prossimo decennio e raggiungere una soglia critica di adozione di 100 dollari/kWh entro il 2027. “Raggiungere questo obiettivo sarà cruciale – osserva – visti i divieti che molti paesi hanno introdotto alla vendita di nuove auto a benzina e diesel entro il prossimo decennio. Mentre questo avanzamento si compie, è probabile che anche la chimica delle batterie si evolva. Stiamo già vedendo una divergenza nella chimica delle batterie, con gli Stati Uniti e l’Europa che si concentrano sulle batterie agli ioni di litio e la Cina che esplora una batteria al fosfato di ferro e litio potenzialmente più economica”.

La ricerca e lo sviluppo si estenderanno oltre la chimica delle batterie nel regno delle fonti alternative di alimentazione dei veicoli. All’interno di questo spazio, a detta di Tahir, le celle a combustibile attireranno probabilmente più interesse. “Le celle a combustibile sono più leggere e più piccole in termini di volume rispetto alle batterie – evidenzia -. Sono anche generalmente considerate più veloci da rifornire rispetto alle batterie a ricarica. Questi sono tra i fattori per cui l’industria automobilistica sta conoscendo un forte interesse per le celle a combustibile come un’altra fonte di energia elettrica per le auto”.

Ma un dibattito più grande attualmente nell’industria ruota intorno ai costi e all’efficienza energetica. Le batterie sono molto più economiche delle celle a combustibile e, con la tecnologia che si evolve rapidamente, i costi delle batterie continuano a scendere. “Le batterie sono anche più efficienti quando si considera l’intero ciclo legato al portare il carburante dal ‘pozzo al serbatoio’ e dal ‘serbatoio alla ruota’, cioè l’approvvigionamento del carburante e il suo utilizzo per far funzionare le auto”, aggiunge l’esperto, che cita il recente studio della Volkswagen con la società di consulenza manageriale Horváth & Partners (2020), stando al quale le batterie forniscono un’efficienza energetica complessiva del 70-90% durante questo processo, mentre le celle a combustibile forniscono un’efficienza del 25-35%. “Questo perché la produzione di idrogeno per le celle a combustibile, nella sua forma attuale, non è del tutto ‘verde’- chiarisce -. Con l’ulteriore innovazione in questo spazio, l’aumento dell’efficienza energetica dell’intero processo e la riduzione dei costi saranno le sfide chiave per l’adozione diffusa delle celle a combustibile”. 

Secondo Tahir, l’infrastruttura di ricarica richiederà anche un investimento significativo per diventare veramente un fattore abilitante piuttosto che un vincolo della tecnologia EV. Wood Mackenzie prevede che metà delle autovetture vendute saranno elettriche entro il 2040. “Solo una rete di ricarica ben diffusa può sostenere questa proliferazione di veicoli elettrici sulle strade – fa notare -. Ma la crescita delle infrastrutture è già in corso. La recente acquisizione da parte di Shell del più grande fornitore di reti di ricarica per veicoli elettrici del Regno Unito, Ubitricity, testimonia la transizione energetica con le maggiori compagnie energetiche che investono nella catena di fornitura di energia elettrica. Precedence Research prevede che il mercato globale delle stazioni di ricarica EV supererà i 39,2 miliardi di dollari entro la fine del 2027 con un tasso di crescita annuale composto di oltre il 40% tra il 2020 e il 2027”.

Insomma, la crescita del tema di investimento dei veicoli elettrici non è catturata dal rally di un singolo titolo in poche settimane o mesi. Al contrario, si riferisce a un cambiamento strutturale che dovrebbe avvenire nel corso di diversi anni, se non decenni. “L’opportunità di investimento, quindi, è più ampia e a lungo termine”, conclude l’esperto.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2