Investi

Nuovi certificati cash collect su azioni targati Bnp Paribas

cerrtificati premi fissi

Ogni certificate offre premi fissi annuali compresi tra il 7% e l’11,60% pagati trimestralmente, una barriera di protezione a scadenza al 70% e scadenza a due anni

Bnp Paribas ha annunciato l’emissione di una nuova serie di certificati premi fissi step-down cash collect su panieri di azioni con premio fisso trimestrale compreso tra l’1,75% (7% p.a) e il 2,90% (11,60% p.a.) ed effetto step-down. Si tratta della seconda emissione di cash collect dell’istituto francese del 2020 che offre la certezza dei premi intermedi.

La nuova serie di certificati consente di ottenere premi fissi nelle date di valutazione trimestrali a prescindere dall’andamento delle azioni sottostanti che compongono il paniere. Inoltre, a partire dal sesto mese di vita, i certificati possono scadere anticipatamente rimborsando il valore nominale, oltre al premio fisso. A differenza dei normali cash collect, grazie all’effetto step-down, il livello di rimborso anticipato decresce durante la vita dei certificate. Tale livello è infatti pari al 100% del valore iniziale del sottostante il secondo trimestre e successivamente diminuisce del 5% ogni 3 mesi.

Se il certificate arriva a scadenza, fissata al 30 novembre 2022, sono possibili due diversi scenari: se la quotazione di tutte le azioni che compongono il paniere è pari o superiore al livello barriera, posto al 70% del valore iniziale, il certificate rimborsa il valore nominale e paga il premio fisso; se la quotazione di almeno una delle azioni che compongono il paniere è inferiore al livello barriera, il certificate paga il premio fisso più un importo commisurato alla performance della peggiore delle azioni che compongono il paniere, con conseguente perdita sul capitale nominale.

Ad esempio, il certificate premi fissi step-down cash collect su Air France e Deutsche Lufthansa (ISIN NLBNPIT10NR9) pagherà un premio fisso del 2,90% ogni trimestre. A partire dal sesto mese, qualora entrambe le azioni quotassero al di sopra del livello di rimborso anticipato, il certificate pagherà il premio e rimborserà anticipatamente anche il valore nominale (100 euro per certificate). Il livello di rimborso anticipato di Air France e Deutsche Lufthansa è pari al 100% (ovvero rispettivamente 5,10 euro e 10 euro) il sesto mese, mentre scende del 5% ad ogni trimestre successivo, ossia 95% (4,85 euro e 9,50 euro) il terzo trimestre, 90% (4,59 euro e 9 euro) il quarto trimestre, 85% (4,335 euro e 8,5 euro) il quinto trimestre, 80% (4,08 euro e 8 euro) il sesto trimestre e 75% (3,825 euro e 7,5 euro) il settimo trimestre. 

A scadenza, a novembre 2022, qualora il certificate non sia scaduto anticipatamente, l’investitore riceverà il valore nominale di 100 euro più un premio del 2,90% anche in caso di discese di Air France e Deutsche Lufthansa fino al livello barriera (70% del valore iniziale, ovvero 3,64 euro e 7 euro rispettivamente). Qualora invece una o entrambe le azioni di Air France e Deutsche Lufthansa si trovassero al di sotto del livello barriera, verrebbe comunque corrisposto il premio di 2,90% ma solo una parte del capitale nominale, commisurata alla performance negativa di Air France o Deutsche Lufthansa.

In particolare Bnp Paribas ha lanciato 7 Premi Fissi Step-down Cash Collect su panieri di azioni di primarie società quotate, italiane e straniere: ASML Holding, SAP, STMicroelectronics, Adidas, Hennes Mauritz, Industria de Diseno Textil (NLBNPIT10NN8), Kering, LVHM, Moncler (NLBNPIT10NO6), Daimler, FCA, Volkswagen (NLBNPIT10NP3), Schneider Electric, Tenaris, Vinci (NLBNPIT10NQ1), Air France KLM, Deutsche Lufthansa (NLBNPIT10NR9), Airbus, Leonardo, Safran (NLBNPIT10NS7).

“I nuovi Certificate Premi Fissi Step-Down Cash Collect su panieri di azioni – ha commentato Luca Comunian, head of marketing gobal markets di Bnp Paribas Corporate & Institutional Banking – rappresentano il frutto della nostra capacità di innovare e offrire una gamma diversificata di prodotti, che non solo consentono di completare il portafoglio dell’investitore, ma al contempo ne soddisfano le mutevoli esigenze. Nello specifico, quest’ultima emissione va incontro alla richiesta da parte degli investitori di premi periodici certi e un richiamo anticipato facilitato, a cui il Certificate risponde grazie alla presenza dei premi fissi trimestrali e dell’effetto Step-Down che abbassa periodicamente la soglia di autocall”.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2