Investi

Poker di Etf sostenibili per Bnp Paribas

I quattro nuovi prodotti lanciati su Borsa Italiana sono tutti legati a indici obbligazionari sostenibili

Bnp Paribas Am ha lanciato su Borsa Italiana quattro nuovi Etf  legati a indici obbligazionari sostenibili. Gli elementi costitutivi dei diversi indici sono selezionati sulla base di criteri extrafinanziari, con esclusione dei soggetti che non rispettano i principi del Global Compact delle Nazioni Unite e che, a seconda dei diversi indici, sono coinvolti in attività controverse come armi da fuoco in vendita ai civili, armi militari, tabacco o combustibili fossili. Al momento la società gestisce 10,1 miliardi di euro in fondi indicizzati Sri ed Esg, di cui 2,5 miliardi nel reddito fisso ponendo l’approccio responsabile all’investimento al centro delle proprie strategie.

I nuovi comparti quotati sono il Bnp Paribas Easy Eur High Yield Sri Fossil Free Ucits Etf a capitalizzazione che replica un indice che seleziona gli emittenti societari con rating migliore nel comparto “high yield” in euro; il Bnp Paribas Easy Eur High Yield Sri Fossil Free Ucits Etf a distribuzione che replica un indice che seleziona gli emittenti societari con rating migliore nel comparto “high yield” in euro; il Bnp Paribas Easy Jpm Esg Embi Global Diversified Composite Ucits Etf che investe in obbligazioni sovrane e quasi sovrane dei mercati emergenti emesse in dollari; il Bnp Paribas Easy Jpm Esg Emu Government Bond Ig 3-5 Year Ucits Etf che replica un indice di titoli di Stato dell’Eurozona denominati in euro, con scadenze da 3 a 5 anni.

“Il lancio di questi Etf  rientra in un duplice approccio teso a sviluppare la nostra offerta Esg e la nostra gamma di strumenti indicizzati sul reddito fisso – spiega Sabrina Principi, head of business development Etf & Index Solutions, Italia -. L’Italia rappresenta per noi un mercato fondamentale, nel quale la gamma sempre più ricca e responsabile ci permetterà di soddisfare al meglio le aspettative dei nostri clienti istituzionali e retail”. 

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2