Investi

Sella, primo fondo di fondi italiano dedicato al venture capital

Investe su un orizzonte temporale di quattro anni, con obiettivi di rendimento a doppia cifra e una strategia di diversificazione geografica tra Europa e Usa

Sella Venture Partners Sgr, società di gestione del risparmio del gruppo Sella dedicata agli investimenti nel mondo del venture capital, ha concluso la prima fase di raccolta del nuovo fondo di fondi dedicato a questo settore. Il fondo Sella Venture Partners Fund of Funds I è il primo del suo genere in Italia specializzato in investimenti in fondi di venture capital ed operativo esclusivamente sui mercati internazionali. 

La prima fase di collocamento ha raccolto oltre 30 milioni di euro, anche grazie all’accordo di distribuzione con le due banche del Gruppo, Banca Sella e Banca Patrimoni Sella & C., e ha visto una significativa partecipazione sia di investitori istituzionali sia di singoli imprenditori di rilievo nel mercato domestico. Al gruppo Sella, infatti, si sono affiancati importanti sottoscrittori come Banco Bpm, Aviva, HDI Assicurazioni, Fenera Holding SpA. 

Parte ora la seconda fase di raccolta che ha come obiettivo il raggiungimento della dimensione target del fondo pari a 100 milioni di euro. Il fondo di fondi investe su un orizzonte temporale di quattro anni, con obiettivi di rendimento a doppia cifra ed una strategia di diversificazione geografica tra Europa e Stati Uniti. Il fondo ha, inoltre, già effettuato i primi investimenti, in Lead Edge Capital V della società Lead Edge di New York, venture capital con un importante track record, specializzato in operazioni di late-stage in ICT e software in generale, ed in ABV 8, della società Abingworth, venture capital specializzato nel life science e con presenza sia in Europa che negli Stati Uniti. Entro fine anno sono previsti altri 3 investimenti, per arrivare ad investire in circa 20 fondi nell’arco temporale di riferimento. 

Il fondo Sella Venture Partners Fund of Funds I si pone come obiettivo quello di offrire un accesso privilegiato sull’ecosistema dell’innovazione internazionale, abilitando investitori privati e istituzionali a investire in fondi di venture capital nei mercati più promettenti, con un elevato potenziale di rendimento proprio dei mercati tecnologici, e garantendo un ritorno virtuoso anche all’ecosistema italiano. In particolare offre l’accesso a fondi di top quartile nei settori dell’Ict e delle biotecnologie sia in Nord-America che in Europa. 

Il fondo, che consente una buona diversificazione e una contenuta volatilità dell’investimento, è a disposizione della clientela istituzionale e di quella del private banking che ha esigenza di diversificare il proprio portafoglio e che guarda con interesse sempre maggiore agli investimenti alternativi, con rendimenti migliori rispetto ad altre asset class. 

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2