Investi

Tabula lancia il suo primo Etf obbligazionario Esg

etf

In linea con l’accordo di Parigi, offre un’esposizione ai bond Ig europei di società con emissioni inferiori del 50% rispetto al mercato e un trend di decarbonizzazione annuale di almeno il 7%

Tabula Investment Management Limited lancia quello che definisce il primo Etf obbligazionario al mondo in linea con l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Il Tabula EUR IG Bond Paris-aligned Climate Ucits Etf offre un’esposizione alle obbligazioni investment grade europee di società con emissioni di gas serra inferiori del 50% rispetto al mercato e un trend di decarbonizzazione annuale pari ad almeno 7%. Lo strumento effettua uno screening Esg, con l’esclusione di obbligazioni di società che violano le “norme sociali” (sui diritti umani e sul lavoro, ad esempio), di quelle che vendono armi e tabacco e di quelle che causano danni ambientali significativi.

Tabula stima che, nel 2021, i criteri Esg passeranno da essere uno dei tanti trend d’investimento ad essere un parametro fondamentale nella costruzione del portafoglio, anche a seguito dei cambiamenti nella legislazione europea che legislerà sempre più questo aspetto. Ugualmente i fondi a impatto sostenibile (impact investing) assumeranno un ruolo sempre più centrale nell’universo Esg. I benchmark in linea con l’accordo di Parigi diventeranno probabilmente un’allocazione fondamentale per gli investitori che vogliono partecipare all’importante lotta al cambiamento climatico. “Ad oggi, non esistono fondi obbligazionari a gestione passiva o ETFs che offrano questo tipo di esposizione. Tabula – si legge in nota della società – è il primo fornitore di ETF ad essersi rivolto verso questa opportunità”.

Tornando al nuovo strumento, i dati utilizzati per lo screening dei bond sono forniti da Iss Esg, parte del gruppo Institutional Shareholder Services (Iss). Iss, fondata 30 ani fa, è da 10 anni all’avanguardia nel rilevamento ed analisi dei dati legati alle emissioni nocive. La qualità dei dati forniti è tra le più elevate del mercato.

“Affrontare il cambiamento climatico è probabilmente la questione che definisce la nostra epoca e pone un rischio notevole per tutti i portafogli d’investimento – spiega il ceo di Tabula, Michael John Lytle -. Gli investitori chiedono soluzioni specializzate in materia di clima. C’è necessità di vedere uno spostamento di capitali in investimenti che impattino significativamente la lotta al cambiamento climatico. Gli asset manager hanno il dovere di sviluppare approcci più innovativi e di maggiore impatto per contribuire a dirottare gli investimenti verso aziende con forti credenziali Esg. Riteniamo che il nostro ultimo Etf sia, ad oggi, il miglior esempio di fondo obbligazionario passivo. È inoltre essenziale prevenire le pratiche di greenwashing, farsi promotori di trasparenza verso gli investitori incorporando al contempo un più ampio screening Esg”.

Commenta



Articoli correlati

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi

Nuovo Etf Esg sull’azionario cinese per Dws 

Enzo Facchi

Le opportunità nel credito high yield

Enzo Facchi
UA-69141584-2