Investi

Tesla è pronta ad accelerare. Ma quanto durerà il rally?

L’inclusione nell’S&P 500 potrebbe tradursi in una domanda per le azioni pari a 8 miliardi di dollari. Ma per Musk c’è una sfida complicata all’orizzonte. L’analisi di it.Investing.com

Il 2020 è stato un anno storico per Tesla, che è riuscita a battere tutte le attese. Il pioniere dei veicoli elettrici ha infatti guidato il rally nel settore dei veicoli elettrici, che recentemente ha visto una crescita degli investimenti: ora il titolo è ben posizionato per riportare rendimenti maggiori e gli investitori guardano con attenzione all’atteso debutto sull’indice S&P 500. Anche se all’orizzonte si profilano sfide complicate per la società di Elon Musk.

“Nel breve periodo la crescente domanda di azioni Tesla da parte dei gestori e degli investitori retail sta alimentando il massiccio rally del titolo, in previsione dell’inclusione del produttore di veicoli elettrici nell’indice S&P 500 prevista per il 21 dicembre – spiega Haris Anwar, analista di it.investing.com -. Secondo una stima di Goldman Sachs, il tanto atteso debutto sull’indice potrebbe tradursi in una domanda per le azioni Tesla da parte di fondi comuni d’investimento americani con focus sulle large cap pari a 8 miliardi di dollari, se supponiamo che questi fondi abbiano scelto di fare della casa automobilistica la loro esposizione principale”.

Ma una volta scemata quest’incredibile domanda di azioni, secondo Anwar l’attenzione degli investitori si sposterà sui fondamentali dell’azienda. E la sfida più imminente per Elon Musk è quella di produrre mezzo milione di auto nel 2020, nonostante il calo delle vendite registrato in tutto il settore automobilistico mondiale. 

“Per raggiungere questo obiettivo – avverte però l’analista -, Tesla deve produrre oltre 181.000 auto negli ultimi tre mesi dell’anno, con un incremento del 30% rispetto al trimestre precedente. Questo sembra un compito difficile, dato il forte aumento dei contagi da coronavirus in gran parte delle economie sviluppate”.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2