Investi

Usa, le aziende supereranno qualsiasi risultato elettorale

comprare ai minimi

Un esito contestato del voto porterà volatilità, ma le società Usa sono preparate a resistere con saldi di cassa ai massimi storici. E gli investitori possono sfruttare l’incertezza. L’analisi Vontobel Am 

L’America ha votato martedì, ma i cittadini americani non sanno ancora chi sarà il loro prossimo presidente. Anche se Biden ha un’alta probabilità di dichiarare vittoria, Trump potrebbe contestare il risultato delle elezioni. Un lungo periodo di contrattazione sul risultato elettorale rappresenterebbe un risultato ribassista per i mercati finanziari a causa dell’accresciuta incertezza, ma secondo Christian Hantel, senior portfolio manager di Vontobel Asset Management, sarà di natura temporanea. Infatti, le aziende statunitensi sono entrate nella fase di recupero del ciclo del credito e sono ben preparate a resistere alla volatilità con saldi di cassa aziendali ai massimi storici.

“Inoltre, i mercati del credito alle imprese sono fortemente sostenuti dalla Federal Reserve statunitense – aggiunge l’esperto -. Inizialmente, la Fed ha lanciato il programma di acquisto di obbligazioni societarie come strumento di back-stop dove le aziende possono utilizzare la Fed come creditore di ultima istanza. Ora la Fed sta acquistando attivamente obbligazioni societarie statunitensi con scadenza fino a quattro anni, incluse le obbligazioni con rating BB. Questo ha alleviato il nervosismo del mercato incentivando gli investitori ad accumulare le obbligazioni societarie. Nel caso in cui l’incertezza del mercato dovuta al fallimento delle elezioni negli Stati Uniti dovesse persistere, la Fed potrebbe facilmente ripristinare la fiducia nel mercato del credito alle imprese intensificando le proprie attività nel quadro delle linee di credito del mercato primario e secondario. Pertanto, qualsiasi allargamento dello spread dovrebbe risultare modesto e le condizioni di liquidità dovrebbero rimanere favorevoli”.

Mentre dunque si prospetta un periodo di maggiore volatilità, gli investitori possono trarre vantaggio da errori di valutazione e inefficienze del mercato. “A parte le opportunità di raccolta dei rendimenti all’interno di obbligazioni dello stesso emittente denominate in valute diverse, l’aumento dell’attività delle banche centrali negli Stati Uniti e nei mercati del credito europei ha fatto sì che gli spread in alcuni mercati si siano comportati in modo diverso dal solito, creando opportunità di acquisto per gli investitori globali. Qualsiasi debolezza del mercato può trasformarsi in un’opportunità di acquisto, a condizione che i fondamentali del credito degli emittenti siano oggetto di un’analisi approfondita”, assicura Hantel.

Secondo l’esperto, mentre l’economia statunitense è ancora in fase di ripresa, è probabile che il mercato statunitense continui ad offrire una raccolta di rendimento decente rispetto ad altri mercati locali in Europa o in Asia. “Inoltre, il costo per la copertura dell’esposizione valutaria è in diminuzione. Ciò ha attirato gli investitori d’oltreoceano, come i clienti asiatici, verso il mercato del dollaro Usa, in particolare verso le obbligazioni societarie con rating Ig”, sottolinea.

Una volta determinato il risultato delle elezioni, tutti gli occhi saranno puntati sull’attuazione del nuovo regime fiscale dell’amministrazione. “Se Joe Biden sarà confermato come prossimo Presidente degli Stati Uniti, una parziale inversione di tendenza della riforma fiscale del 2018 interesserà probabilmente i settori che inizialmente hanno beneficiato maggiormente della riduzione dell’aliquota fiscale: i trasporti e il settore finanziario”, conclude Hantel.

Commenta



Articoli correlati

Certificati, arrivano i Mini Future sulla volatilità

Andrea Dragoni

“Il mercato Orso non è ancora finito”

Redazione

Obbligazionario, il peggio è alle spalle

Enzo Facchi
UA-69141584-2