Primo piano Risparmia

Bonus condizionatori 2022, ecco come richiederlo

L’agevolazione prevede la detrazione dal 50 al 65% per l’acquisto di un nuovo apparecchio o per la sostituzione di un vecchio impianto. La guida

Con l’arrivo in anticipo del caldo estivo è scattata come ogni anno la corsa all’acquisto dei condizionatori. Anche nel 2022 chi sceglierà di comprare un nuovo dispositivo potrà godere dell’incentivo statale. Il cosiddetto bonus condizionatori è stato infatti confermato nell’ultima Legge di Bilancio e consente di ottenere una detrazione fiscale dal 50 al 65%.

Bonus condizionatori 2022, come funziona

Il bonus condizionatori prevede una detrazione diversa a seconda che si ricorra a Bonus ristrutturazione e Bonus Mobili (al 50%) o all’Ecobonus (al 65%). È riconosciuto a coloro che vogliono acquistare un nuovo dispositivo o sostituire il vecchio impianto con uno a pompa di calore o a risparmio energetico. L’agevolazione è valida fino al 31 dicembre 2022 senza limiti Isee.

Nel dettaglio, la detrazione è applicabile sull’acquisto e istallazione di uno dei seguenti tipi di impianti: climatizzatore a basso consumo energetico; deumidificatore d’aria; termopompa o pompa di calore.

Bonus condizionatori al 50%

Il bonus condizionatori del 50% spetta a chi sta facendo lavori in casa beneficiando del bonus ristrutturazioni del 50%. Si avrà quindi diritto alla stessa percentuale di detrazione fiscale sull’acquisto del climatizzatore, a patto che i lavori siano iniziati dopo il 1° gennaio dell’anno precedente a quello in cui si acquista il dispositivo.

Per poter ottenere l’agevolazione, il condizionatore deve garantire un risparmio energetico certificato dal produttore oppure dall’installatore. L’impianto può anche essere non abilitato al riscaldamento invernale.

L’acquisto del climatizzatore di classe almeno A+ è dunque abbinato alla ristrutturazione della casa (bonus ristrutturazioni), ma anche a un intervento di manutenzione straordinaria senza la ristrutturazione (bonus mobili). In questi casi il tetto massimo di spesa è di 16.000 euro per gli acquisti effettuati entro il 2021. La detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro per l’anno 2022 e di 5.000 euro per gli anni 2023 e 2024. La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Bonus condizionatori al 65%

Il bonus condizionatori del 65% spetta invece a chi sta usufruendo dell’ecobonus per lavori di riqualificazione energetica di un immobile. La detrazione fiscale sale quindi al 65% se si acquista un climatizzatore ad alta efficienza (A+++) con pompa di calore utilizzabile sia per la climatizzazione estiva che invernale, per sostituirne uno di classe inferiore. In tali casi, l’importo massimo di spesa detraibile è di 46.154 euro, da dividere in 10 quote annuali di pari importo.

Il bonus condizionatori del 65% può essere richiesto solamente da chi inizia l’intervento di ristrutturazione edilizia dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto del dispositivo.

Commenta



Articoli correlati

Pagamenti, per il 70% degli italiani il futuro è digitale

Chiara Santilli

Covid, come ottenere il rimborso se ci si ammala prima delle vacanze

Chiara Santilli

Reddito di cittadinanza, scatta la stretta

Chiara Santilli
UA-69141584-2