Primo piano Risparmia

Bonus cultura, ultime ore per richiedere i 500 euro

Unico requisito: essere nati nel 2002. Ecco come ottenere i voucher per cinema, teatri, concerti, musei, libri, dischi e corsi di lingue

Ancora poche ore e poi il bonus cultura non sarà più a disposizione dei ragazzi e le ragazze nati nel 2002. Si tratta di 500 euro che lo stato eroga ad ogni giovane che abbia festeggiato la maggiore età nel 2020 con l’obiettivo di sostenere la diffusione della cultura tra i giovani mediante l’acquisto di prodotti e attività culturali di vario tipo. Il buono è disponibile a partire dal 1° Aprile 2021 su una carta elettronica ed è utilizzabile fino al 28 febbraio 2022.

L’iniziativa, lanciata per la prima volta nel 2016, punta ad aiutare tutti i diciottenni, a prescindere dal reddito familiare, a investire in libri, cinema, musei, teatro, musica e tanto altro.

Siamo agli sgoccioli, perché la finestra per richiedere i 500 euro si chiude il 31 agosto. Inoltrare la domanda però è ancora possibile, anche perché la procedura è molto semplice: è sufficiente infatti registrarsi sul portale app18.

Bonus cultura, chi può richiederlo

I 500 euro sono a disposizione di circa 540 mila ragazzi e ragazze che hanno hanno compiuto 18 anni nel 2020, ovvero i nati nel 2002. Dal momento che l’agevolazione è per tutti, non è necessario presentare l’Isee per ottenerla perché non sono previsti limiti di reddito. Oltre all’età, l’unico altro requisito richiesto e la residenza in Italia o il permesso di soggiorno.

La procedura per registrarsi

Per effettuare la registrazione sul portale app18 bisogna disporre delle credenziali SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Inserite le credenziali (se non si è possesso dello SPID è possibile ottenerlo rivolgendosi uno degli Identity Provider autorizzati: Poste Italiane, Infocert, Sielte o Tim), non si deve far altro che accettare la normativa e la registrazione sarà completa. Il sistema invierà un’email di conferma e a quel punto sarà possibile visualizzare il bonus sul proprio portafogli.  

Come spendere il bonus

Una volta terminata la procedura di registrazione sull’app18, è possibile generare dei buoni di spesa elettronici, con codice identificativo, associati all’acquisto di uno dei beni o servizi consentiti. Ciascun buono è individuale e nominativo e può essere speso esclusivamente dal beneficiario registrato. Può essere stampato oppure salvato in formato pdf o immagine sui propri dispositivi ed è spendibile solo sul territorio italiano, in negozi fisici oppure online. 

Nel momento in cui i soggetti accreditati accettano il bonus, l’importo speso va a ridurre il credito a disposizione del beneficiario. Non sono previsti limiti di spesa per un singolo acquisto. Non si possono però si possono comprare più unità di uno stesso bene o servizio. Ad esempio non è consentito acquistare più biglietti per uno stesso spettacolo o più copie del medesimo libro.

Cosa è possibile acquistare con il bonus cultura

– biglietti o abbonamenti per eventi culturali: cinema, concerti, teatri, danza e altri spettacoli dal vivoi;

– libri in tutti i formati, musica (compact disc, vinili o file) o film in dvd;

– biglietti per entrare in musei, monumenti, parchi a tema o naturali e aree archeologiche;

– abbonamenti a quotidiani anche in formato digitale;

– corsi di musica, teatro, lingue straniere.

Commenta



Articoli correlati

Piano del tifoso, il rendimento sale al 34,22%

Andrea Dragoni

Natale, si rischiano rincari per 1,4 miliardi

Enzo Facchi

Contributo partite Iva, domande fino al 13 dicembre

Enzo Facchi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Continuando a navigare accettate il loro utilizzo. Accept Read More

UA-69141584-2