Primo piano Risparmia

Da Crédit Agricole un salvadanaio digitale a misura di smartphone

Pac

In partnership con Gimme5, la nuova soluzione permette di accantonare denaro e investire in fondi comuni a partire da 1 euro

Crédit Agricole Italia lancia una nuova soluzione per “democratizzare l’accesso al risparmio gestito” offrendo agli oltre 2 milioni di clienti la possibilità di entrare nel mondo degli investimenti a partire da piccole somme. Grazie a Gimme5, nasce infatti il Salvadanaio Digitale. Attraverso automatismi facili da impostare, è possibile risparmiare e investire, con il proprio smartphone, anche piccole somme di denaro per poter raggiungere obiettivi di risparmio programmati dai clienti stessi.

Il Salvadanaio Digitale di Crédit Agricole e Gimme5

Come spiega una nota, l’obiettivo di Credit Agricole, attraverso Gimme5, è di avvicinare i propri utenti a una gestione semplice, digitale e immediata del risparmio. Coadiuvando al contempo anche un importante processo di alfabetizzazione finanziaria. Con questa partnership la banca punta anche ad essere al fianco dei clienti, contribuendo alla loro formazione sui principali concetti economico-finanziari.

Dalla app CAI, il cliente potrà accedere direttamente al proprio Salvadanaio Digitale e verificare il raggiungimento degli obiettivi di risparmio impostati. Le somme così accantonate saranno contestualmente investite in fondi comuni, per allocare immediatamente i risparmi in maniera efficace. Sono diverse le regole automatiche che fanno scattare un versamento nel salvadanaio. Ad esempio, la vincita di una partita della squadra del cuore, il proprio compleanno oppure l’impostazione di una somma di risparmio ricorrente, per citarne alcune.

Risparmio ed educazione finanziaria in un salvadanaio

Secondo anche quanto emerge dal recente Rapporto Edufin 2021, l’inadeguata educazione finanziaria degli italiani continua a essere un tema degno di grande attenzione. Solo un terzo del campione ritiene di conoscere concetti semplici alla base di tante decisioni che famiglie e individui sono chiamati a compiere nella vita. Ad esempio, la relazione rischio-rendimento. Le donne e i giovani rappresentano i soggetti più vulnerabili. Lo studio evidenzia in particolare come la fragilità finanziaria sia correlata alla bassa conoscenza finanziaria. 

“Tra i cambiamenti che il Covid ha portato con sé – prosegue la nota -, la crescente digitalizzazione dei comportamenti è tra i più rilevanti e permanenti. Ed è destinata a diventare tratto caratteristico della cosiddetta nuova normalità. Promuovere quindi consapevolezza in questi ambiti, anche attraverso strumenti digitali, favorisce soprattutto nelle nuove generazioni lo sviluppo di anticorpi per affrontare le crisi e le sfide del futuro”.

“Crédit Agricole è da anni impegnata attivamente nella trasformazione digitale dei propri servizi e nell’evoluzione culturale dei propri clienti accompagnandoli nell’utilizzo degli strumenti digitali – sottolinea Vittorio Ratto, vice direttore generale retail, private e digital di Crédit Agricole Italia -. La sfida è pertanto non soltanto quella di rispondere ad esigenze digitali nuove di clienti sempre più esigenti, ma anche quella di supportare i clienti in un importante processo di educazione finanziaria. L’attenzione alla clientela è quindi un punto fondamentale nella nostra offerta. Vogliamo che il Salvadanaio Digitale sia lo strumento ideale per tutte le persone, soprattutto i più giovani, che hanno bisogno di acquisire consapevolezza finanziaria. È un cammino che vogliamo intraprendere insieme a loro, e non solo attraverso il Salvadanaio, rinnovando il nostro forte legame con tutti i territori”.  

“L’obiettivo di Gimme5 è da sempre quello di abbattere le barriere all’ingresso del mondo del risparmio gestito per permettere al grande pubblico di approcciare gli investimenti in maniera smart – aggiunge Giordano Martinelli, senior partner di Gimme5 -. Crédit Agricole, portando le opportunità del digitale a oltre 2 milioni di persone grazie alla soluzione sviluppata insieme, ha sposato questa filosofia. E compiuto un passo senza precedenti nella democratizzazione del settore. La sfida che oggi ci poniamo è quella di facilitare l’accesso agli investimenti e alla gestione del risparmio, stimolando anche una migliore conoscenza finanziaria dei risparmiatori, soprattutto i più giovani, il nostro target di riferimento principale”.

Commenta



Articoli correlati

Assegno unico, in arrivo i conguagli per i figli disabili

Chiara Santilli

Bollette, luce più cara del 59%. Stangata da 1.300 euro

Chiara Santilli

Rc auto, prezzi in calo. Ma potrebbe non bastare

Chiara Santilli
UA-69141584-2