Risparmia

Risparmio, arriva in Italia l’app Trade Republic

La fintech tedesca offre la possibilità di investire senza commissioni in azioni e Etf anche piccole somme

Investire il risparmio un po’ alla volta, in maniera semplice e senza commissioni. È questa la filosofia e la ragione del successo di Trade Republic, piattaforma di risparmio leader in Europa appena sbarcata in Italia. I sevizi della fintech tedesca offrono infatti ai clienti la possibilità di investire senza commissioni in azioni ed Etf italiani, europei e americani attraverso un’app facile e intuitiva. 

Trade Republic offre piani di risparmio in azioni ed Etf con lo scopo di aiutare gli italiani a investire i propri risparmi nel lungo periodo sui mercati finanziari internazionali. “In Italia – si legge in una nota -, come nella maggior parte degli altri paesi europei, il cambiamento demografico, l’inflazione elevata e i tassi di interesse negativi costituiscono una minaccia costante per chi si affida esclusivamente ai regimi pensionistici statali. E la necessità di investire in vista della pensione è diventata una priorità per tutti”.

Solo nel 2020 i soldi fermi sui conti correnti italiani sono stati pari quasi al Pil di un anno della nazione. Un totale di quasi duemila miliardi di euro. A fronte di questa enorme liquidità improduttiva, a commissioni di intermediazione spesso elevate e a prodotti di investimento di difficile comprensione, Trade Republic offre a tutti un accesso facile e senza commissioni ai mercati dei capitali, al fine di colmare il divario pensionistico.

“In Italia si risparmia molto di più della media delle altre nazioni europee. Ma meno di una persona su due investe i propri risparmi – afferma Emanuele Agueci, country manager Italia di Trade Republic -. Trade Republic offre una piattaforma semplice e accessibile per creare piani di risparmio automatizzati e completamente gratuiti, direttamente dal proprio smartphone”.

Christian Hecker, co-fondatore di Trade Republic

L’offerta di Trade Republic a commissioni zero

Trade Republic non addebita alcuna commissione. Solo 1 euro di costi esterni per transazione per quanto riguarda investimenti in oltre 9.000 azioni ed Etf italiani ed internazionali. Indipendentemente dalle dimensioni dell’ordine o dal titolo scambiato.

Inoltre, i clienti possono scegliere di creare piani di risparmio e investire con essi a partire da soli 10 euro su oltre 4.000 azioni ed Etf, anche frazionati, senza alcun costo. I clienti hanno poi accesso a dati in tempo reale, avvisi sui prezzi, un’ampia gamma di tipi di ordini e orari di negoziazione estesi, dalle 7:30 alle 23:00.

“Attraverso la nostra app intuitiva consentiamo a tutti di sfruttare le opportunità offerte dai mercati finanziari – afferma Christian Hecker, co-fondatore di Trade Republic -. Il 50% dei nostri clienti non aveva mai investito prima di scaricare l’app. E ora considera Trade Republic un riferimento per i piani di risparmio e per la crescita a lungo termine dei propri fondi”.

Dotata di licenza bancaria con specialità nella negoziazione di prodotti finanziari in Germania e supervisionata da Bafin e dalla Bundesbank tedesca, Trade Republic è diventata una delle più importanti piattaforme di investimento e risparmio presenti sul mercato europeo. La sua forza è di unire le esigenze di un ambiente altamente regolamentato come quello bancario, con la flessibilità e l’attenzione al cliente propria del mondo tech.

La fintech con sede a Berlino arriva in Italia dopo aver lanciato in Germania, Austria, Francia e Spagna. Con oltre un milione di utenti, asset in gestione superiori a 6 miliardi di euro e la fiducia di investitori come Accel, Creandum e Sequoia, Trade Republic punta a rivoluzionare il modo in cui investire i propri risparmi.

L’app Trade Republic è disponibile per iOS e Android, può essere scaricata gratuitamente da App Store e Google Play. E’ anche possibile effettuare operazioni anche tramite web dal proprio computer. L’apertura dell’account Trade Republic è possibile per gli utenti maggiorenni residenti sia fiscalmente che fisicamente in Italia. È necessario essere dotati di smartphone (con sistema operativo iOS o Android), numero di telefono europeo e conto bancario Sepa.

Commenta



Articoli correlati

Bonus terme, c’è la proroga

Chiara Santilli

Ecobonus moto e scooter al via

Enzo Facchi

Bonus affitto 2022, ecco a chi spetta

Enzo Facchi

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Continuando a navigare accettate il loro utilizzo. Accept Read More

UA-69141584-2