Assicurazione

Assicurazione, guida alla richiesta di indennizzo

Indennizzo assicurazione

Per chiedere l’indennizzo all’assicurazione basta una semplice comunicazione, ma bisogna essere precisi e avere tutta la documentazione

Coprirsi dal rischio che si verifichi un evento indesiderato. È questa la principale finalità di una polizza assicurativa: si paga un premio annuale e se si verifica l’evento su cui ci si è assicurati la Compagnia eroga al sottoscrittore l’importo dovuto.

Al verificarsi dell’evento, per ottenere l’indennizzo bisogna darne comunicazione alla Compagnia assicurativa. Il passaggio è molto semplice, ma non bisogna farsi trovare impreparati. Nella richiesta è necessario essere precisi e soprattutto bisogna avere tutta la documentazione necessaria.

Verifica della polizza

La prima cosa da fare nel caso in cui si voglia inviare fna richiesta di indennizzo all’Assicurazione è verificare che la polizza sottoscritta copra quell’evento specifico. Solitamente, tutte le garanzie sono disponibili sul contratto della polizza che viene consegnata al sottoscrittore dopo l’adesione (sono documenti importanti, che vanno conservati con attenzione).

Nel fascicolo informativo che si riceve in fase di adesione è presente una sezione, di solito chiamata “Condizioni di Assicurazione”, in cui sono elencate le garanzie della polizza e le eventuali esclusioni, cioè quei casi particolari nei quali le coperture non sono valide.

Come inviare i documenti

Generalmente, sui siti delle Compagnie è presente un’area specifica dedicata proprio alla denuncia dei sinistri, con moduli da scaricare, compilare e poi inviare insieme alla documentazione richiesta dalla Compagnia stessa e indicata all’interno dei moduli.

In alcuni casi potrebbe essere richiesto l’invio dei documenti in originale, che saranno poi restituiti dopo verifica e valutazione. Tutti gli indirizzi a cui inviare i documenti sono di solito indicati sempre nell’area dedicata.

A prescindere dal modo in cui vendono spediti i documenti, le comunicazioni successive con la Compagnia possono avvenire di solito anche solo via email; per questo è importante fornire un indirizzo di posta elettronica corretto durante la richiesta. In questo modo si semplificano e si velocizzano le comunicazioni con la Compagnia, riducendo anche il tempo necessario a ricevere una risposta.

Quando inviare la richiesta

I termini per la richiesta di un indennizzo variano in base al tipo di evento. Per gli infortuni c’è tempo fino a due anni dall’evento per attivare le garanzie previste dalla polizza. Per il decesso e la malattia grave invece i termini si allungano fino a dieci anni.

Questo perché spesso chi sottoscrive una polizza a proprio nome potrebbe non avere modo di avvisare il beneficiario, che scopre della polizza solo diverso tempo dopo. Il termine di dieci anni garantisce quindi di poter far valere le garanzie anche in questi casi.

Cosa accade dopo l’invio della documentazione

Una volta inviata la documentazione, un esperto della Compagnia si dedica al caso. Viene fatto un riscontro tra quello che è successo all’assicurato e le condizioni della polizza, e spesso questo è sufficiente per ricevere una risposta definitiva.

Alcune volte, però, la documentazione iniziale potrebbe non essere sufficiente. In questi casi è lo stesso esperto che contatta il cliente per chiedere delle informazioni aggiuntive. In questa fase è molto utile poter comunicare via email (se è stata inserita nei moduli in fase di richiesta), perché i tempi delle comunicazioni con la Compagnia si accorciano molto e così anche quelli di valutazione.

Quando dopo la valutazione di tutti i documenti la richiesta viene accolta, il pagamento delle somme avviene direttamente sul conto corrente indicato in fase di invio della richiesta.

Per le richieste respinte, nella comunicazione verrò indicata una motivazione dettagliata. Ovviamente è sempre possibile contattare la Compagnia e richiedere tutti i chiarimenti necessari.

In collaborazione con MetLife

Commenta



Articoli correlati

Polizza salute, cos’è, come funziona e quanto costa

Andrea Dragoni

Polizza vita a tutela della proprietà d’impresa

Andrea Dragoni

Polizza vita, tutelare il convivente

Andrea Dragoni
UA-69141584-2