Investi

Da Societe Generale sei certificati sulle valute emergenti

I nuovi Cash Collect Plus+ permettono di investire sul tasso di cambio tra l’euro e la valuta di Russia, Sudafrica, Turchia o Brasile

Societe Generale porta su EuroTLX di Borsa Italiana sei nuovi certificati Cash Collect Plus+ sulle valute emergenti. Grazie a questi nuovi strumenti sarà possibile investire sul tasso di cambio tra l’euro e la valuta di Russia, Sudafrica, Turchia o Brasile, con il meccanismo Plus+ a scadenza.

Le principali caratteristiche di questi prodotti, disponibili a partire dal 22 gennaio, sono: un premio condizionato distribuito su base mensile compreso tra 0,40% e 1,10% lordo a seconda del certificato considerato; l’effetto memoria sui premi; la possibilità di una liquidazione anticipata su base mensile dopo un anno dall’emissione; la protezione condizionata del valore nominale a scadenza con meccanismo Plus+; una scadenza a tre anni.

Al termine di ogni mese l’investitore si troverà di fronte a due possibili scenari. Seil tasso di cambio euro/valuta emergente è inferiore o uguale al 120% (per i certificati con ISIN XS2235922361, XS2235923765 e XS2235922015), al 130% (per i certificati con ISIN XS2235919227 e XS2235976615) o al 150% (per il certificato con ISIN XS2235921710) del rispettivo valore strike (strike rilevato alla data di valutazione iniziale), il certificato riconosce un premio lordo mensile compreso tra lo 0,40% e l’1,10% (a seconda del certificato considerato) oltre agli eventuali premi non distribuiti in precedenza (effetto memoria). In caso contrario, il certificato non riconosce il premio, che viene “memorizzato”.

Inoltre, su base mensile, a partire dal termine del primo anno (21/01/2022), se la valuta emergente risulta essersi apprezzata rispetto all’euro (ovvero se il tasso di cambio euro/valuta emergente è inferiore o uguale alla barriera di liquidazione anticipata fissata al 100% del valore strike) il certificato viene rimborsato anticipatamente e riconosce il 100% del valore nominale oltre al premio mensile e agli eventuali premi “memorizzati”.

Nel caso in cui il certificato non sia stato liquidato anticipatamente, alla data di valutazione finale possono verificarsi due scenari. Se il tasso di cambio euro/valuta emergente è inferiore o uguale al 120% (per i certificati con ISIN XS2235922361, XS2235923765 e XS2235922015), al 130% (per i certificati con ISIN XS2235919227 e XS2235976615) o al 150% (per il certificato con ISIN XS2235921710) del rispettivo valore strike, l’investitore beneficia della protezione condizionata del capitale e riceve il 100% del valore nominale, oltre al premio mensile con effetto memoria.

In caso contrario, questi certificati cash collect plus+ subiranno una perdita espressa sul valore nominale che, per effetto del meccanismo plus+ di Societe Generale, sarà pari alla differenza tra la performance del tasso di cambio euro / valuta emergente e la barriera. Ad esempio, ipotizzando una barriera al 130%, una performance del tasso di cambio euro/valuta emergente a scadenza pari al 131% determinerà una perdita dell’1% tale che il rimborso del certificato sarà pari al 99% del valore nominale (ovvero 990 euro per ciascun certificato).

Commenta



Articoli correlati

Giappone, nel 2024 emergeranno molte opportunità 

Enzo Facchi

Da Axa Im tre Etf sugli Stati Uniti

Enzo Facchi

Cina, è ora di tornare a puntare sul Dragone

Enzo Facchi
UA-69141584-2