Investi

Pictet lancia Emma, fondo specializzato negli Emergenti

Permette, in una sola strategia, di ottenere un’esposizione verso molteplici classi di attività

Pictet Asset Management amplia la sua gamma multi asset con il fondo Pictet-Emerging Markets Multi Asset (Emma),  autorizzato alla vendita retail nel mercato italiano. Il fondo permette, in una sola strategia, di ottenere un’esposizione verso molteplici classi di attività dei mercati emergenti. Il portafoglio è infatti investito in azioni, titoli di Stato, obbligazioni societarie, commodity, real estate, strumenti di mercato monetario e valute dei mercati emergenti, con l’obiettivo di massimizzare il potenziale di rendimento di questa area geografica, cercando nel contempo di controllare i drawdown tipici di tali mercati. 

In un contesto come quello attuale di bassi rendimenti, i mercati emergenti sono in grado di offrire una performance migliore nel lungo termine a livello globale, tenuto conto anche del crescente peso economico di questi Paesi: si prevede che i mercati emergenti rappresenteranno il 57% del Pil globale entro il 2030.

Il portafoglio sarà articolato su due pilastri: strategico e tattico. La gestione strategica premia quelle attività finanziarie dell’universo emergente che offrono le migliori prospettive di crescita delle economie e degli utili aziendali, stabilità e prevedibilità nelle scelte di politica economica, valutazioni ragionevoli. La gestione tattica del portafoglio è articolata su temi di investimento come ad esempio tecnologia, consumi, materie prime. In base alla valutazione del ciclo di mercato, viene stabilito quale tematica sovrappesare e/o sottopesare in una determinata fase.

La strategia è affidata congiuntamente ai gestori Marco Piersimoni (già co-gestore del Pictet-Mago – Multi Asset Global Opportunities) e Shaniel Ramjee (già senior investment manager del team Multi Asset di Londra), entrambi con comprovate esperienze pluriennali in gestioni multi asset e coadiuvati dal lavoro sinergico del team Multi Asset di Pictet AM formato da oltre 30 professionisti basati tra Asia ed Europa.

“Siamo convinti che i mercati emergenti, seppur soggetti a una volatilità più elevata rispetto ad altri, nel lungo periodo possano offrire un valore aggiunto molto importante – commenta Paolo Paschetta, country head di Pictet Asset Management -. Questa volatilità intrinseca rende difficile effettuare decisioni ottimali di composizione di portafoglio. La nostra strategia permette proprio di eliminare tale complessità delle scelte di allocazione attraverso la delega al nostro team di esperti, con l’obiettivo di ottimizzare l’asset allocation e ridurre le oscillazioni dei rendimenti nel tempo”.

“Il fondo mira a catturare il potenziale di crescita dei mercati emergenti, cercando comunque di offrire una protezione contro il rischio di ribasso – aggiunge Piersimoni -. L’obiettivo è quindi quello di avere un equilibrio tra le evidenti prospettive di lungo termine dei Paesi emergenti e la filosofia di gestione Multi Asset di Pictet AM incentrata sulla costruzione di portafoglio e la gestione del rischio”.

Il Pictet-Emerging Markets Multi Asset è un fondo di diritto lussemburghese conforme alla normativa Ucits. La sua distribuzione è autorizzata in Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Dal lancio ufficiale del 9 febbraio 2021, il fondo ha ricevuto sottoscrizioni per oltre 140 milioni di dollari.

Commenta



Articoli correlati

Giappone, nel 2024 emergeranno molte opportunità 

Enzo Facchi

Da Axa Im tre Etf sugli Stati Uniti

Enzo Facchi

Cina, è ora di tornare a puntare sul Dragone

Enzo Facchi
UA-69141584-2