Investi Primo piano

Criptovalute, Bux Zero dice addio alle commissioni “Zero”

Bux Zero commissioni

Dall’1 settembre, gli utenti di Bux Zero pagheranno una commissione dello 0,50% su tutte le transazioni effettuate in criptovalute.

È nata nel 2014 con un nome, Bux Zero, che richiamava la proprio la sua “politica commerciale” delle zero commissioni. Ma ora l’App degli investimenti olandese, che ha debuttato in Italia lo scorso giugno, fa dietro front, probabilmente per effetto della crisi che da inizio anno ha sconvolto gli equilibri delle principali piazze finanziarie.

Così, dal prossimo 1 settembre, Bux Zero inizierà ad applicare una commissione dello 0,50% su tutte le transazioni effettuate in criptovalute (sull’App sono disponibili più di 30 crypto, tra cui anche le più blasonate bitcoin ed Ethereum). L’unico modo per continuare a pagare zero commissioni sulle criptovalute è possedere sul proprio account più di 1.000 Bux Token.

Il Bux token (Bux) è un token di utilità che esiste sulla blockchain. Attualmente, l’utilità principale del Bux token è offrire agli utenti di Bux Zero la possibilità di operare con commissioni dello 0% (100% di sconto) quando gli utenti detengono più di 1.000 token Bux loro portafoglio.

In precedenza, il Bux token era conosciuto come Blockport Token (Bpt), che è stato ribattezzato quando la società Bux ha acquisito Blockport nel 2020. Il Blockport Token (Bpt) è stato creato a gennaio 2018 ed era il token di utilità dell’allora piattaforma Blockport. Una volta che il token è stato ribattezzato in Bux, ha mantenuto l’utilità del trading senza commissioni e la società prevede di aggiungere altre utilità in futuro.

Gli altri costi

Gli acquisti sul mercato azionario americano, anche per le azioni frazionate, continuano ad avere zero commissioni, mentre sul mercato europeo si paga una commissione fissa di 1,5 euro per ogni transazione. I piani di investimento, invece, anche un costo per ordine di 1 euro, su tutti i mercati (sia Europa sia America).

Nessuna modifica, poi, per i cosiddetti “Ordini Zero”, che godono di zero commissioni sul mercato europeo e sugli Etf. Gli “Ordini Zero” sono stati creati da Bux Zero per consentire a chiunque di investire senza commissioni e vengono eseguiti alla fine della giornata di negoziazione, tra le 16.00 e la chiusura delle borse. Se si effettua un ordine dopo le 16.00, lo stesso sarà eseguito il giorno di negoziazione successivo.

Gli “Ordini Zero” non sono disponibili per le azioni del mercato americano perché tutti gli ordini di mercato e gli ordini con limite sui titoli Usa sono già senza commissioni.

Commenta



Articoli correlati

Banche nella bufera: esiste un rischio contagio?

Enzo Facchi

Da Mediobanca Sgr un nuovo fondo obbligazionario a scadenza

Enzo Facchi

Fed, come investire dopo il nuovo rialzo dei tassi

Enzo Facchi
UA-69141584-2